Come funzionano le coltivazioni della Cannabis in Italia e in Sicilia

1
1295

Sono passati ormai più di 4 anni dalla nuova legge sulla cannabis legale in Italia che ha portato a un nuovo modo di considerare la marijuana e i suoi usi terapeutici. Non è un segreto ormai il fatto che in tutta Italia, in Sicilia e anche nella stessa Ragusa, ci sia stato un vero e proprio boom di coltivazioni di canapa che sono aumentate di 10 volte in 5 anni, passando dai 400 ettari coltivati prima della legge del 2014 fino a circa i 4000 ettari di quest’anno.

Il mercato della cannabis è molto versatile e ovviamente non comprende solo la coltivazione di canapa, ma tutto ciò che riguarda i prodotti a base di cannabis light e terapeutica, anche se la legislazione applicata è differente.

La differenza riguarda sostanzialmente l’equilibrio tra i due principali cannabinoidi della marijuana, ossia il CBD (il cannabidiolo) e il THC (il tetracannabinolo). Entrambi hanno un potere terapautico, ma il THC, che ha un’efficacia maggiore, è anche una sostanza psicoattiva (quella che provoca il cosiddetto ‘sballo’) e ha numerosi effetti collaterali che potrebbero verificarsi con il suo utilizzo (come paranoia, palpitazioni, crisi di astinenza, ecc…). Il CBD invece è il cannabinoide ‘buono’, che ha effetti antipsicotici, ansiolitici anti infiammatori e soprattutto anticonvulsivi, risultando utile in molteplici problematiche.

Con cannabis light si intende il tipo di coltivazione di canapa con una concentrazione di THC inferiore allo 0,2% e può essere coltivata liberamente. La cannabis terapeutica invece ha una percentuale di THC ben superiore e per questo viene considerata un medicinale utilizzabile solo sotto prescrizione medica. La coltivazione di cannabis terapeutica è strettamente legiferata e non è possibile effettuarla ovunque e da chiunque, è necessaria un’autorizzazione. Se la soglia di THC considerata limite dalla legge (ossia lo 0,5%) risulta superata, la coltivazione può essere sequestrata e distrutta dalle autorità competenti. I semi utilizzati devono essere certificati e accompagnati dal cartellino e dalla documentazione di idoneità per almeno 12 mesi.

Le produzioni a base di canapa vanno dai prodotti alimentari come biscotti, tofu, taralli e farine, agli eco-mattoni isolanti e pallet bio, come anche all’olio di CBD che si trova facendo click qui. Ma non è tutto, dalla canapa infatti si possono ricavati cosmetici e resistenti tessuti per abbigliamento e l’arredo. La cannabis light, ha un potenziale giro d’affari di oltre 40 milioni di euro e secondo la Coldiretti “sono centinaia le nuove aziende agricole che hanno avviato nel 2018 la coltivazione di canapa”.

Per la coltivazione della cannabis a uso terapeutico si prevedono affari per quasi un miliardo e mezzo di euro, con la garanzia di moltissimi posti di lavoro, sempre secondo la Coldiretti.

L’Italia non è nuova a questo mercato, visto che fino agli anni Quaranta la coltivazione di canapa occupava quasi 100mila ettari e il Bel Paese era il maggior produttore di canapa in tutto il mondo, secondo solo all’Unione Sovietica. Il mercato vide il declino ovunque con l’arrivo della fibre sintetiche e con la campagna di allora contraria agli stupefacenti.

“Il boom della coltivazione della canapa è un’ottima dimostrazione della capacità delle imprese agricole di scoprire e sperimentare nuove frontiere e soddisfare i crescenti bisogni dei nuovi consumatori. Proprio da queste esperienze di green economy si aprono opportunità di lavoro nelle campagne che possono contribuire alla crescita sostenibile e alla ripresa economica ed occupazionale del Paese”, ha dichiarato Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

1 commento

  1. Complimenti per l’articolo, la Canapa è una è un’ottima dimostrazione della capacità delle imprese agricole italiane come http://www.veniceweed.it di scoprire e sperimentare nuove frontiere e soddisfare i crescenti bisogni dei nuovi consumatori. Speriamo che anche la legislatura chiarisca la normativa e dia la possibilità alle aziende di produrre prodotti di qualità eco-sostenibili con l’ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

15 + 19 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.