Approvata norma che modifica legge regionale sui centri storici, la Cna Costruzioni di Ragusa: “La strada è quella giusta”

Il Parlamento regionale ha approvato la norma che modifica la legge regionale 13/2015 in materia di centri storici. Grazie a quest’azione legislativa sarà possibile, per le piccole e medie imprese artigiane del settore delle costruzioni, intervenire sui volumi non qualificati e non di pregio. Significa che il comparto, almeno in parte, potrebbe essere rimesso in moto. “Da anni – sottolinea il presidente territoriale della Cna costruzioni di Ragusa, Giorgio Biazzo, con il responsabile provinciale Vittorio Schininà – si attendeva la possibilità di avviare la riqualificazione dei centri storici senza lacci e lacciuoli ma potendo contare su un sistema complessivo di recupero che tenesse in considerazione la possibilità di una visione specifica. Stiamo parlando di consumo di suolo pari a zero e di rigenerazione urbana. Sono strumenti che noi di Cna auspichiamo possano essere utilizzati nella maniera corretta, senza fughe in avanti, ma con la concreta necessità di modificare, nel complessivo e seguendo una linea logica, il panorama dell’edilizia locale. Naturalmente, guardiamo con molto interesse agli effetti che si esplicheranno con la nuova normativa che assicura la piena tutela del patrimonio storico di pregio garantendo, al contempo, la possibilità di ridare slancio a un settore messo in ginocchio da numerose avversità. Al contempo, ci corre l’obbligo di mettere tutti al riparo dalla circostanza che è indispensabile evitare una cementificazione sproporzionata, che di fatto ha svuotato il cuore della città, così come poniamo la nostra riserva sull’aspetto che non si deve rischiare di operare per trasformare il centro storico tout court. Insomma, c’è comunque una strada che deve animare tutti gli operatori del settore ed è la strada del buon senso. Altrimenti, il rischio concreto è quello di vanificare gli effetti positivi della nuova legge. Come Cna Costruzioni monitoreremo e vigileremo affinché ciò non accada. E saremo pronti a denunciare ciò che non va se dovessero verificarsi delle storture nell’applicazione della nuova norma”. E sulla questione dice la sua anche il presidente della Cna territoriale di Ragusa, Giuseppe Santocono: “Come associazione di categoria siamo disponibili a sedere attorno a un tavolo per far sì che la norma possa essere attuata nella maniera migliore. Servono momenti di confronto, di valutazione, di proposta, seri e costruttivi. Costruire? Sì, ma solo se sostenibile”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI