Scicli, Città dei Presepi. Itinerario artistico culturale attraverso le rappresentazioni della natività

L’amministrazione comunale di Scicli rende noto l’itinerario della Via dei Presepi 2018. Un tour gratuito ai presepi nelle chiese e in abitazioni private, aperte per l’occasione anche ai visitatori esterni. A renderlo noto l’assessore alla cultura della giunta Giannone, Caterina Riccotti. Questi i principali siti a disposizione dei visitatori:
Presepe Chiesa di San Bartolomeo
Via San Bartolomeo
Gli storici locali danno notizia dell’incarico di realizzazione di un presepe per la Chiesa di S. Bartolomeo nel 1570. A quanto dice il Carioti si intervenne su questo Presepe al tempo del proposito Carlo Mazzara (1665) e nel 1712 quando fu canonico della Chiesa il Carioti stesso (1712-1721). In seguito, con due incarichi successivi, rinnovò il presepe nel 1773 Pietro Padula di Napoli, che aggiunse l’altra veduta dalla parte della Cappella dei SS. Cosma e Damiano. Le Statue, in legno di tiglio e di cm. 70 di altezza, erano 65. Oggi ne restano 29 a causa di deterioramenti e persino di furti a causa dell’ingente valore da collezione (l’ultimo furto di 11 statuine risale al 1971). Lo sfondo, con castelli e grotte distribuite lungo i tornanti di alture rocciose, richiama lo scenario del fianco della collina di San Matteo su cui era il Castello che sovrastava le grotte di Chiafura. La Sacra Famiglia non è inserita nella classica grotta con la mangiatoia, ma davanti alle rovine di una costruzione che presenta elementi architettonici di un tempio, simbolo della vittoria del Cristianesimo sul Paganesimo, sul quale tempio sono sospesi angeli e serafini. Le figure classicheggianti di Maria e Giuseppe contrastano con il realismo degli atteggiamenti quotidiani riprodotti dalle figure di contadini e pastori. Il presepe nella simbologia religiosa è l’Incarnazione dell’Eterno che entra a vivere nel tempo e in una storia ben determinata, così come simbolici sono alcuni personaggi: “A zammaratana” è la samaritana del Vangelo di Giovanni, che indica la venuta dell’ora della salvezza; ” ‘U spavintatu ‘a stidda” o dormiente richiama l’appello di Paolo “svegliati o tu che dormi”; la vecchia che fila (le Parche ?) simboleggia l’interruzione della ciclicità del tempo (cronos) con l’irruzione del cairos, il tempo della salvezza.
Presepe “Chiafura”
Via Tasca n° 11/13 Cell. +39 3661258268
Realizzato da un gruppo di amici in ricordo di Valerio Ferro, scomparso prematuramente, e della sua grande passione per i Presepi. La Natività è ambientata in una delle parti più belle e suggestive di Scicli, il noto quartiere rupestre Chiafura e i suoi dintorni, che già naturalmente agli occhi dell’osservatore dà l’idea di un Presepe. Lo scenario è realizzato con la tecnica della cartapesta associata alla pittura. Le statue, alte dai 15 ai 22 cm, sono circa 50 e sono state perlopiù realizzate a Caltagirone. Visitabile solo in orario pomeridiano, dalle ore 18,00 alle ore 21,00, nei giorni feriali e dalle ore 18,00 alle ore 22,00, nei giorni festivi.
Presepe della Famiglia Caruso
Via Parini n. 5 – Sig. Caruso – Cell. + 39 3388664991
Sin dal 1997 la famiglia Caruso (Salvatore, Francesco, Veronica e Carmela) realizza in Scicli, nei pressi della centralissima piazza Italia, un presepe su una superficie di circa mq. 20. Oltre 100 sono le statuette, alte 18 cm., che animano la struttura, statuette tutte realizzate dall’artista calatino Vincenzo Velardita.Gli elementi del presepe, ispirato di anno in anno al paesaggio di Scicli, sono realizzati in pietra e materiale di arte povera, tra cui terra, muschio, sabbia, conci di calcare tenero, ferro, gesso ed argilla. Nel complesso, è possibile rivivere scene di vita quotidiana, con un armonico susseguirsi di azioni, dagli inizi degli anni ’50 fino ai nostri giorni. Il tutto è arricchito da moltissimi particolari presenti in ogni singola scena e da effetti luminosi e giochi d’acqua. È possibile visitare gratuitamente il presepe dal mese di dicembre a quello di ottobre.
Presepe Artistico nella grotta di Carmelo
Via Guadagna n. 31 – Sig. Pisani Carmelo – +39 0932931774
Peculiarità del Presepe sono la realizzazione manuale di ogni singolo personaggi utilizzando esclusivamente argilla di provenienza locale. Accanto alla riproduzione di classici episodi della nascita di Gesù, vengono raffigurate scene di vita quotidiana con personaggi popolari.

Presepe Chiesa Rupestre di Piedigrotta
Via Piedigrotta Club UNESCO
Pisani Giovanni, cell. + 39 3342219722
Il presepe, realizzato dall’Associazione San Bartolomeo con la collaborazione di un gruppo di geniali artigiani del quartiere, è costituito da 20 statuine di terracotta di Caltagirone. Annualmente viene arricchito da nuove statuine della stessa fattura donate da devoti del quartiere.

Museo in Grotta “A Rutta Ri Ron Carmelu”
Via Timponello n. 37 – Chiafura
Raimondo Carmelo, cell. + 39 3290695483
Su Facebook: “A rutta ri Ron Carmelu”
L’organizzazione interna della Grotta rispecchia quella delle abitazioni utilizzate sino alla metà degli anni ’50 nel sito rupestre di Chiafura. Vi si trova un forno “a petra”, dei fori scavati nella roccia e nicchie per riporvi le suppellettili. Un interessante telaio in ottimo stato, il letto di paglia, a “naca a vientu”, vecchie stoviglie e un antico lavabo. All’interno della grotta il presepe, interamente costruito dal Sig. Raimondo e figlio, costituito da circa 35 statuine di Caltagirone, alte 20 cm. La particolarità del presepe è la sua ubicazione nella stalla, lo scenario raffigura il Parco di Chiafura con le varie grotte che lo compongono e che merita una visita guidata.
Presepe realizzato dalla Sig.ra Gisa Penna
Via Penna
Il Presepe è una vera opera d’arte caratterizzato da statue, della cui bellezza, specialmente quelle della Natività, non si può non rimanere estasiati.

Presepe nella Grotta delle Cento Scale
Via Dolomiti – Cava S. M. La Nova F.lli Marinero – cell. +39 3474746474
Il Presepe, arricchito negli anni da statuette in terracotta di Caltagirone, è attualmente ubicato nella grotta denominata “Cento Scale”, interessante percorso sotterraneo interamente scavato nella roccia. Durante l’anno è meta di numerosi visitatori.

Presepi in miniatura M.A.S.C.I.
Chiesa Carmine, piazza Carmine
Prof.ssa Ammatuna, cell. +39 3495121328
Presepi realizzati dalla creatività di ragazzi tra i 6 e 13 anni, con materiale povero o da risulta quale carta di giornali, tappi, viti, bulloni, plastica, pasta, della misura massima di 30 cm x 30 cm.
Presepe Vivente – Parrocchia SS. Salvatore Ass. Anziani G. Mormina e Ass. 1° Maggio – 0932833162 – 3334468638 Giardino- Viale dei Fiori – Villaggio Iungi
23 Dicembre 2018 – dalle ore 17,30 30 Dicembre 2018 – dalle ore 17,30 06 Gennaio 2019 – dalle ore 17,30

Presepe Vivente – Cava di S.M.La Nova
Cavuzza di San Guglielmo”- Ass. Amici del Presepe – Cell. + 39 3381836273 –
26 Dicembre 2018 – dalle ore 19,00 – alle ore 21,00
06 Gennaio 2019 – dalle ore 19,00 alle ore 21,00
Orario di apertura dei Presepi Giorni feriali dalle ore 10,00 alle ore 13,00 dalle ore 16,00 alle ore 19,00 Sabato e festivi dalle ore 10,00 alle ore 13,00 dalle ore 15,00 alle ore 21,00
I suddetti orari potranno subire variazioni
Per i Presepi allocati all’interno delle Chiese di Scicli o delle borgate è necessario raccordarsi con i Parroci Quasi tutti i Presepi sono visitabili tutto l’anno contattando i Referenti via telefono e/o tramite social network

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI