Presentato a Modica libro di Vittoria De Marco Veneziano in occasione de “Gli appuntamenti del giovedi”

Donne di ieri e di oggi. Donne che hanno fronteggiato, con determinazione e coraggio, tabù e pregiudizi di vario genere. Donne coerenti spinte dalla passione che, grazie alla loro positività comportamentale, sono riuscite a superare difficili prove diventando così archetipi universali per tutte le altre. Sono quelle raccontate da Vittoria De Marco Veneziano che, ieri pomeriggio, è stata protagonista della seconda iniziativa de “Gli appuntamenti del giovedì” promossi in concomitanza con le celebrazioni per il venticinquesimo anniversario di attività della libreria La Talpa a Modica, con la collaborazione di Paesaggio Barocco – Enoteca cioccolateria Sotto San Pietro e con il patrocinio del Comune. Dopo i saluti dell’assessore alla Cultura, Maria Monisteri, è stato Giorgio Solarino ad introdurre l’autrice, presenti Daniele Pavone e Francesco Trombadore. E’ intervenuta anche Carmela Giannì che, in città, da sempre rappresenta l’espressione più viva e sincera dell’emancipazione femminile.

Assieme a loro anche il prof. Domenico Pisana e il maestro Lorenzo Maria Bottari, in questi giorni a Modica per la sua mostra “Quasimodo quasi sognato”. Nel suo libro, “Vivina, Màxima…e le altre donne”, De Marco Veneziano racconta 33 donne fuori dal comune che hanno aperto la strada all’eccellenza femminile, prendendo come arco temporale di riferimento quasi mille anni, dal 1050 al 2018. E così, accanto a Trotula De Ruggiero, prima ginecologa della storia, troviamo Pina Maisano Grassi, attivista contro il racket, così come accanto a Suor Plautilla Nelli, prima pittrice fiorentina di cui si conservano opere, c’è Charlotte Salomon, pittrice ebrea uccisa ad Auschwitz. Donne di cui l’autrice racconta la storia, traccia il profilo, seguendo un ideale filo rosso che le rende tutte protagoniste per lo stesso motivo.

“Molte – ha affermato De Marco Veneziano – sono state “prime” in qualcosa, altre hanno osteggiato mafie, discriminazioni e aperto la strada all’eccellenza femminile. Alcune, con tenacia, si sono opposte alle regole sociali e alle famiglie che soffocavano la loro sete di conoscenza e, altre ancora, ingiustamente dimenticate. Il mondo è pieno di tracce di questo universo femminile, di segni che attendono soltanto che qualcuno li scopra, e questo libro vuole renderne visibili alcuni”. E l’autrice ha poi aggiunto: “Questa opera è un omaggio, un tributo all’infinità del talento femminile, un riconoscimento alla loro intelligenza, un’opera che ho voluto dedicare alle nuove, alle nuovissime generazioni affinché siano consapevoli dei contributi essenziali apportati dal genere femminile. Per vivere l’oggi e costruire il futuro è necessario avere memoria del passato. La storia, in fondo, è piena di donne le cui capacità e scoperte sono state offuscate e spesso sminuite dagli uomini. Come la storia di Mileva Maric, una delle più grandi menti femminili del suo tempo, moglie di Albert Einstein”. Il terzo incontro con “Gli appuntamenti del giovedì” è fissato per il 29 novembre con l’archeologo, docente universitario e assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa che presenterà il testo “Sicilia archeologica”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI