Servizi per Modica. Terranova(Camera del Lavoro) scrive al sindaco. Riceviamo e pubblichiamo

0
1379

Carissimo Sindaco,
so per certo che non gradirà che ponga in risalto pubblico alcune criticità che riguardano la Spm. Dico questo perché si capisce che non gradisce da come reagisce quando viene denunciato pubblicamente qualche problema che a che vedere col Suo operato. Reagendo male, a volte in maniera stizzita, soprattutto se la problematica sollevata è vera ed obiettiva. In questo, lei, pur essendo ancora giovane ma ormai aduso alla gestione del potere, come tanti altri potenti pro-tempore, non gradisce essere criticato. Il potere si sa predilige l’obbedienza al rilievo critico, anche quando esso è costruttivo. Forse teme di perdere l’incanto che in questi anni ha costruito, compenetrandosi coi suoi esorbitanti elettori. Si sa che il potere, nel sue forme e articolazioni possibili, è affetto da gravi allergie. Ma non si preoccupi, noi della Camera del lavoro non abbiamo questa capacità di condizionare i cittadini. Pur essendo al servizio dei cittadini, manteniamo il profilo di una organizzazione sindacale che in questi anni ha accentuato il proprio profilo di autonomia. Perché questo ci impone il nostro statuto. Perché, al di la di chi governi, la Camera del lavoro si pone solo l’obiettivo di rappresentare gli interessi di chi gli ha dato mandato per farlo. Questa è la stella polare del nostro operato, sia se siamo dinanzi ad una amministrazione di centro-sinistra che di centro-destra come la Sua.
​Ma torniamo a fatti più terreni e forse per questo più importanti.
​E’ stato dichiarato dalla Cgil lo stato di agitazione dei lavoratori della SpM, perché quest’ultimi non percepivano i salari di quasi 5 mesi di lavoro. Lei su questo ha risposto che avrebbe fatto il possibile per pagare i dipendenti. Eppure, nonostante il Suo titanico sforzo, oggi la situazione è che gli stessi lavoratori debbono percepire ancora tre mensilità, cioè i mesi di luglio, agosto e settembre, per non dimenticare che ancora un nutrito gruppo di lavoratori debba ricevere il pagamento della Fis 2017 e 2018 da parte dell’Inps. Su questo punto la Camera del lavoro denuncia il totale disinteresse dell’Amministratore Unico, il quale mai si è prodigato per sbloccare la procedura all’Inps. Del problema se ne è disinteressato. Anche qui abbiamo dovuto fare da supplenti, perché senza il nostro interessamento e il contatto avuto col Consulente forse oggi saremmo di fronte al rigetto della richiesta di attivazione di questo ammortizzatore sociale, con gravi perdite per i lavoratori. Ancora tale procedura non è conclusa per problemi che che la Spm deve risolvere con l’Inps. L’amministratore dovrebbe capire che è suo compito risolvere questo problema e non sperare che altri se ne occupino per evitare che si arrechi un notevole danno economico ai lavoratori.
​E ora Sig Sindaco dica, una volta per tutte, come intende recuperare i mesi arretrati dei lavoratori e se entro la fine dell’anno pagherà quanto previsto contrattualmente, ossia tutte le mensilità compresa la tredicesima. Lo dica questa volta utilizzando il metro della verità dei fatti, tralasciando il ricorso a strombazzate pubbliche in cui chi sa capisce che nulla è quasi vero.
​Cordiali saluti- Il Segretario
​ Salvatore Terranova

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 + 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.