Nasce a Modica il “Comitato di Quartiere Piazzale Fabrizio”

0
1561

É nato a Modica il “Comitato di Quartiere Piazzale Fabrizio” che, costituito in maniera spontanea e libera da alcun interesse politico, ha lo scopo di discutere con le pubbliche autorità e di ottenere da loro possibili risoluzioni su di una serie di problemi che da anni interessano l’area urbana di Modica Sorda delimitata territorialmente – com’è visibile nella foto sottostante – dalla linea perimetrale gialla.

Tra i creatori del comitato, i componenti del consiglio direttivo sono tutti cittadini nati, cresciuti e tutt’oggi residenti nella zona attraversata dalla via Silla; quindi persone che capiscono realmente come funziona il loro quartiere, perché lo vivono totalmente nella sua continua evoluzione storico-urbanistica, “soffrendone” gli errori edilizi e soprattutto infrastrutturali, con le conseguenti carenze dei servizi loro preposti. Lo Statuto del Comitato di quartiere Piazzale Fabrizio (stipulato il 6 luglio 2018 e protocollato con il n. 42149 al Comune di Modica il 26 luglio) è scaricabile in formato PDF dalla pagina Facebook del Gruppo pubblico denominato “Comitato di Quartiere Piazzale Fabrizio”, dove è possibile seguire in tempo reale l’attività del Comitato.

Ad oggi, il Comitato di Quartiere ha già avuto, il 4 settembre, un primo incontro ufficiale con il Sindaco di Modica, in occasione del quale sono state discusse possibili risoluzioni ai quesiti di seguito esposti:

Completamento, a regola d’arte, dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza della porzione di territorio comunale, nel quartiere Sorda, di pertinenza del Comitato;
Ripristino e messa in sicurezza totale della Villa comunale di Via Silla, e nuova destinazione d’uso sociale del fabbricato interno alla stessa, nel rispetto “delle reali esigenze” dei residenti e degli altri cittadini che usufruiranno di questa importante infrastruttura negli anni a venire, e per la quale si spera in una più attenta e intelligente gestione pubblica, anziché privata;
Disturbo della quiete pubblica;
Rifacimento e/o riparazione, a regola d’arte, della rete idrica del quartiere e una più attenta programmazione degli orari di fornitura dell’acqua;
Utilizzazione dei due lotti di terreno, posti nei pressi della villa comunale, come orti sociali;
Creazione di un’area attrezzata di sgambamento per i cani;
Ripristino del campetto da calcio, in disuso e abbandonato all’incuria, situato a valle di Via Zama;
Ripristino, abbellimento e manutenzione delle fioriere, dei giardinetti e delle più grandi aree a verde pubblico adiacenti alle case popolari;
Risoluzione ai problemi di sicurezza per la circolazione stradale, che si manifestano durante lo svolgimento del mercato rionale, a causa dell’errata sistemazione dei veicoli e degli stand dei venditori ambulanti lungo le principali arterie di comunicazione stradale;
Futuro del plesso scolastico “Giovanni XXIII”.

“Alle prime risposte fornite dal Sindaco – dal Comitato già verbalizzate e pubblicate sulla propria pagina Facebook – farà seguito, il 5 ottobre alle ore 18:30, il primo incontro aperto alla popolazione, in occasione del quale, nell’aula magna dell’Istituto Alberghiero Principi Grimaldi, sito in Viale degli Oleandri n.19, il Comitato si presenterà pubblicamente ai cittadini e, alla presenza del Sindaco o di un suo rappresentante, si aggiornerà con l’amministrazione comunale riguardo agli argomenti sopraesposti, nonché darà la possibilità a ogni convenuto di presentare all’uditorio le proprie considerazioni sugli argomenti trattati. Lo stesso incontro vedrà anche la partecipazione di un rappresentante dell’ufficio comunale che si occupa della raccolta differenziata, il quale fornirà ai cittadini residenti a Modica sorda le dovute informazioni su come viene condotta, nel quartiere, la raccolta differenziata spinta, già in atto da poco più di un mese.
Le adesioni al comitato sono sempre aperte e riservate ai cittadini, con diritto al voto, che condividano i principi ispiratori descritti nello Statuto del Comitato. Per ottenere ulteriori informazioni al riguardo, si può scrivere direttamente nella sopracitata pagina Facebook del Comitato oppure si può telefonare allo 338 1795020”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

2 + tredici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.