A Modica la mostra di pittura dell’ispicese Giuseppe Gianì

0
1136

– “Tra forma, luce e colore”. Sarà questo il leitmotiv della mostra di pittura dell’ispicese Giuseppe Gianì, in programma a palazzo Grimaldi dal 29 settembre al 14 ottobre. All’inaugurazione organizzata per il 29 settembre alle 18,30, prenderanno parte e relazioneranno il professore Uccio Barone, il critico d’arte Salvatore Parlagreco e il maestro Salvatore Fratantonio. Si tratta della prima personale dell’artista ispicese che nella pittura ha trovato un momento esclusivo in cui stare con se stesso, lontano dagli impegni familiari e lavorativi.
“ L’idea di dipingere – ci racconta Giuseppe Gianì – inizialmente nasce come un modo per rilassarmi, un momento intimo, un ritrovare me stesso e diventa presto una esigenza travolgente, legata alla necessità di creare bellezza che rimanesse nel tempo. Attraverso l’arte cerchiamo e scopriamo la bellezza dei nostri luoghi, della nostra natura e creiamo bellezza.”
Giuseppe Gianì fin da piccolo ama disegnare a matita, una passione che, finite le scuole medie, avrebbe voluto perfezionare con gli studi, ma che diversi fattori gli hanno impedito di fare orientandolo ad altri percorsi. L’amore per la natura e la passione per l’Arte, nelle sue varie espressioni, fanno riaffiorare nel 2013 l’interesse a scoprire, da autodidatta, l’affascinante mondo della pittura, dando vita a quadri che nascono dalla osservazione e dall’ incanto suscitato dalla natura stessa. Nel 2016 la svolta: il Maestro Salvatore Fratantonio, c dopo aver visto alcuni suoi lavori, gli riconosce le capacità e lo stimola ad andare avanti invitandolo subito ad una collettiva di 12 artisti, “Terre dei Grimaldi” tenutasi a Modica presso Palazzo Grimaldi.
Da allora cominciano una serie di incontri con il Maestro che gli permetteranno una crescita artistica.
Nel 2017 partecipa ad altre due collettive, organizzate dal Cultural Garden di Modica e tenutesi presso “Palazzo della Cultura” di cui una dedicata a Salvatore Quasimodo.
La mostra allestita a Palazzo Grimaldi è un omaggio alla Bellezza, un viaggio alla ricerca di quella bellezza che dai luoghi iblei trasuda per dare pace all’anima. Luci, colori, linee sinuose e suggestivi chiaroscuri raccontano ora il mare d’autunno con la sua forza e e la sua quiete, ora orchidee che dialogano con particolari e rari fiori di campo, rose gialle e scorze di limoni. Straordinaria la forza espressiva ed etica dei giochi di spighe e delle acrobazie delle spighe che, insieme a danze di nuvole barocche e corpi umani, suggeriscono una visione del reale assolutamente metafisica. Il percorso attraverso le opere di Gaianì non può non sedimentare in ogni visitatore la voglia di riscoprire la bellezza come elisir dell’anima per incontrare tutto e tutti, nell’attimo e per sempre.
La mostra sarà visitabile dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 e domenica dalle 16 alle 20.
Giuseppina Franzò

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

5 × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.