Chiaramonte Gulfi. E’ Domenico Cubeda il re della “Salita dei monti Iblei” per la quinta volta consecutiva.

0
2782

Il pluricampione catanese Domenico Cubeda, su Osella FA 30 Zytek, gestita dalla Paco74 Corse per la parte telaistica e da Roberto Armaroli per la parte riguardante il motore, rispettando il pronostico della vigilia, ha vinto, per il quinto anno consecutivo, la cronoscalata “Salita dei Monti Iblei” di Chiaramonte Gulfi, giunta alla 61ª edizione organizzata dal Team Palikè di Palermo con il patrocinio del comune di Chiaramonte Gulfi ed in collaborazione con la Muxaro Corse e del gruppo Cinquecentisti Chiaramontani.

A rilevare i tempi della gara automobilistica, valida per il 10° Trofeo italiano, velocità in montagna (Tivm) girone Sud nonché per la 3ª tappa del Campionato siciliano velocità in salita e per la 9ª prova del Challenge Assominicar in salita, sono stati i cronometristi dell’Asd “Hyblea” di Ragusa, che hanno saputo gestire le varie postazioni ed il centro classifica con ottima professionalità. Per tutti i risultati e le classifiche finali è possibile consultare il sito http://salita.ficr.it/
Anche quest’anno sono stati numerosi gli appassionati, provenienti da tutta la Sicilia e dalla vicina Malta, che si sono disposti lungo le tribune naturali del tracciato tecnico di Km 5,5 ricavato da una sezione della Sp 7, compresa tra i comuni di Comiso e di Chiaramonte Gulfi, caratterizzata da un dislivello di 410 metri con pendenza media del 6,68%. Lo “start” è stato dato nei pressi della zona artigianale del paese, mentre il “Finish” è stato disposto nei pressi del centro abitato di Chiaramonte Gulfi.

Ad aprire la manifestazione sono state le sfilate di circa trenta vetture dell’Abarth Club Trinacria, le Fiat 500 dell’Associazione dei Cinquecentisti Chiaramontani e la Mitica Alfa 33 TT3, alla sua prima uscita dopo 30 anni finita di restaurare alcune settimane fa dal proprietario italo-americano, Joe Nastasi. Nell’intervallo tra Gara 1 e Gara 2 a sfilare sono state le Ferrari e ancora una volta l’Alfa 33 TT3.

Nella classifica Assoluta, dopo gli ottimi risultati cronometrici delle prove ufficiali di sabato 25, il catanese Domenico Cubeda su Osella FA 30 Zytek, ha fatto registrare i migliori tempi, sia nella Gara 1 con 2’28”22 ( migliorato il record del percorso di 8 centesimi da egli stesso detenuto), sia nella Gara 2 con 2’28”73 totalizzando il tempo complessivo di 4’56”95; al secondo posto si è piazzato Francesco Conticelli di Marsala a bordo della sua Osella PA 2000 Honda che ha totalizzato il tempo complessivo di 5’03”84 (Gara 1: 2’30”32 – Gara 2: 2’33”52), mentre l’ultimo gradino del podio è stato occupato da Vincenzo Conticelli padre di Francesco su Osella PA 30 Zytek con il tempo di 5’09”16 (Gara 1:2’34”00 – Gara 2:2’35”16).

Nella speciale Coppa Monti Iblei, riservata alla categoria Autostoriche, a salire sul più alto gradino del podio è stato Ciro Barbaccia di Marineo (Pa) della scuderia Aspas Palermo al volante della sua Stenger ES861 Bmw che ha bloccato i cronometri a 5’59”36 (Gara 1: 2’59”40 – Gara 2: 2’59”96); al secondo posto si è classificato il messinese Salvatore Caristi del Team Automobilistico Phoenix su Fiat 128 Giannini che ha realizzato il tempo complessivo di 6’32”42 (Gara 1: 3’16”91 – Gara 2: 3’15”51); mentre, l’ultimo gradino del podio è andato al trapanese Gaspare Piazza della scuderia Trapani Corse che su Fiat X1/9 ha totalizzato il tempo di 6’36”15 (Gara 1: 3’18”02 – Gara 2: 3’18”13).

Al termine della manifestazione sportiva, piloti e rappresentanti delle scuderie si sono ritrovati nella sala comunale “L. Sciascia” per le premiazioni di rito e per ricevere i complimenti da parte dei fan, gli organizzatori hanno già preannunciato che per il prossimo anno ci sarà un allungamento del percorso, infatti da domani si lavorerà per portarlo a Km 8,5 trasferendo il traguardo nei pressi della località “Antica stazione di Chiaramonte Gulfi”, così come avveniva tempo fa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

undici + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.