Servizi per Modica, proclamato stato di agitazione dei lavoratori

6
1115

La drammatica condizione di prostrazione morale ed economica in cui si trovano i dipendenti della Servizi per Modica, che vantano nei confronti dell’Azienda un credito discendente dal mancato pagamento di quattro mensilità (Aprile, Maggio, Giugno 2018 e 14^mensilità), rappresenta l’indice della ingente mole di debiti che ha accumulato la partecipata del Comune di Modica. La Camera del Lavoro, per tale motivo ha deciso di proclamare, con decorrenza immediata, lo stato di agitazione del personale dipendente.
“Le interlocuzioni telefoniche avute da qualche settimana con l’Amministrazione comunale in ordine al piano di rientro per azzerare i ritardi sugli emolumenti – dice il segretario Salvatore Terranova – non hanno avuto sin qui alcun sbocco positivo.
Neanche nel corso di questa settimana sarà trasmesso alla Società il mandato per pagare almeno 2 mensilità.
La Società è stata abbandonata ad un destino nefasto, non sappiamo se per scelte o per imperizia, e tale gravissima condizione tiene col fiato sospeso circa 100 famiglie.
Appare non più differibile che codesta Amministrazione avvii immediatamente un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali, atteso che la precedente richiesta di pari oggetto è stata disattesa e considerata la difficoltà a poter interloquire con l’Amministratore Unico che da un po’ di tempo si nega anche alla comunicazione telefonica.
Trascorsi 2 giorni dal ricevimento della presente comunicazione, la scrivente procederà a fissare i giorni duranti i quali saranno promosse iniziative di protesta”.

6 Commenti

  1. Gli “euri” se ne fregano del 62%, adesso bisognerà sommare le spese dei mesi ante elezioni e tirare il saldo, vediamo se conosceremo meglio “Il sindaco che conosci”.

  2. Marco….abbatiano doc che mostra la sua vera natura: TABULA RASA DEGLI OPPOSITORI…O PER MEGLIO DIRE “DEI NON ELETTORI” ….accussì s’anzignunu.

  3. A proposito del vile commento di MARCO: mandateli tutti a casa, se è la volontà abbatiana (le scelte politiche, condivise o no, si rispettano), ma corrispondete subito il dovuto perchè 100 famiglie devono mangiare….e non possono fare debiti per sopravvivere.

  4. Da una parte, mi verrebbe da dire “gli stà bene” visti i voti dati (regalati?) alla maggioranza eletta.
    Dall’altra, faccio una cosiderazione: e se questi voti, così come ho letto in un commento, fossero frutto di pressioni implicite?
    È vero o non è vero, cari concittadini, che questa amministrazione l’avete fortissimamente voluta, di che vi lamentate dunque?
    Un po’ di coerenza, suvvia.
    P.S.: all’indomani del voto (11 giugno ), a spoglio concluso, notavo un sindacalista comunale strombazzare con la propria autovettura, e sventolando la bandiera calcistica del Modica Calcio (sic.).
    Vorrei chiedere a Costui: se ti dovesse capitare una querelle tra un dipendente e il Sindaco, di chi prenderesti le parti?

  5. Adesso cominceremo a toccare con mano i misfatti della pessima amministrazione uscente. Non vedo sbocchi per quella attuale che dovrà sobbarcarsi tutti debiti accumulati negli ultimi cinque anni, sia quelli evidenti sia quelli “ammucciati”. Da adesso i modicani toccheranno con mano i veri problemi della città e ne pagheremo tutti, o quasi tutti, le conseguenze. (ancora spero nella giustizia umana … anche se non troppo)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quattordici + quattordici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.