La nave cargo Alexander Maersk autorizzata ad attraccare nel Porto di Pozzallo. Sbarcano i 106 migranti

0
1477

Si è sbloccata, finalmente, la vicenda della nave cargo “Alexander Maersk”, di bandiera olandese, ferma nel mare antistante il Porto di Pozzallo da un paio di giorni. Il Ministero degli Interni ha concesso l’autorizzazione all’attracco nel porto mettendo fine all’incubo dei 106 migranti che erano stati caricati a bordo del natante. Soddisfatto il sindaco, Roberto Ammatuna: “Si è avverato quanto auspicato nel mio appello. Una decisione attesa non solo da me ma da tutta la città che ha vissuto con apprensione l’evolversi della situazione. Ringrazio il Ministro Matteo Salvini per aver accettato la richiesta umanitaria che ho inoltrato. Sono certo che questa sia stata la decisione giusta. La macchina organizzativa è già attivata – aggiunge Ammatuna – ed accoglieremo con l’umanità di sempre queste persone che hanno sofferto, cercando di dare loro la dovuta assistenza e restituire loro il sorriso. Un ringraziamento va alla Prefettura, alle forze dell’ordine, alla Capitaneria di Porto ed ai volontari per l’impegno profuso ma anche al comandante e all’equipaggio della nave Alexander Maersk per l’umanità dimostrata. Oggi – conclude Ammatuna – è un giorno importante, perché oltre alla lieta conclusione della vicenda è stato dimostrato che la solidarietà è ancora un sentimento diffuso”.

L’amministrazione comunale di Scicli, dal canto suo, esprime compiacimento per la felice conclusione della vicenda del cargo Alexander Maersk, finalmente autorizzato ad attraccare al porto di Pozzallo.
“Finisce così l’incubo per 110 migranti che ospita a bordo che potranno essere accolti ed assistiti nel migliore dei modi”.
La giunta Giannone si dice vicina al sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, che ha sottolineato in queste ore come le ragioni umanitarie non possano essere sacrificate sull’altare di ragioni di politica internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

quattordici + quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.