Futuro del Tribunale: il Sindaco di Modica andrà a Roma per la riapertura

Il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, insieme ai colleghi sindaci di Mistretta e Nicosia ha partecipato ieri presso l’Assessorato agli Enti Locali, ad una importante riunione sul futuro del Tribunale con l’Assessore Bernadette Grasso. All’ordine del giorno c’era la gestione dei 50 mila euro che la Regione metterebbe a disposizione delle strutture giudiziarie in questione in caso di distaccamento di servizi dai Tribunali presso cui sono stati accorpati. “In realtà – dichiara il Sindaco Abbate – la convenzione dei 50 mila euro è un argomento da discutere successivamente visto che non sussistono, al momento, ipotesi di distaccamento di servizi dal Tribunale di Ragusa a Modica. Invece la riunione è stata proficua sotto un altro punto di vista ben più importante. Visto che il Governo nazionale sembra poter tornare indietro sui propri passi e riaprire le 31 sedi soppresse nel 2012, abbiamo chiesto che la nostra struttura sia riaperta nuovamente o in subordine utilizzata paritariamente con Ragusa trasferendo il civile o il penale. A tal fine abbiamo chiesto di organizzare un incontro con il Ministro a Roma per capire la reale volontà del Governo di riaprire i tribunali soppressi. L’Assessore Grasso ci ha garantito che lunedì si muoverà in tal senso e per questo la voglio ringraziare sin da ora. Una volta compiuto questo passo sarà possibile stilare la convenzione tra i tre comuni e l’assessorato per la gestione dei servizi”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI