Parte da Ragusa l’idea della strategia di contrasto comune alla tratta degli esseri umani, lunedi’ Dda e Squadre Mobili siciliane assieme alle associazioni che agiscono nel settore, tutti attorno allo stesso tavolo

0
712

Per la prima volta i rappresentanti delle Direzioni distrettuali antimafia e delle squadre mobili che operano in Sicilia siederanno tutti attorno allo stesso tavolo assieme ai rappresentanti delle associazioni che operano nel settore per definire una strategia di contrasto alla tratta degli esseri umani oltre a una serie di pratiche di supporto per gli enti antitratta. Sarà possibile mettere a confronto le proprie esperienze. Anche sulla scorta delle sempre positive azioni che finora hanno caratterizzato la collaborazione multiagenzia con la Dda di Catania, le squadre mobili e gli enti che si occupano di tratta. Accadrà lunedì 25 giugno alle 15 presso il Libero consorzio comunale di Caltanissetta in viale Regina Margherita 28. Sarà presente anche la cooperativa Proxima di Ragusa che, assieme all’associazione Penelope di Catania e all’associazione Casa dei giovani onlus di Bagheria, enti regolarmente iscritti alla I e II sezione dell’albo nazionale degli enti che si occupano di stranieri immigrati presso il ministero del Welfare, nonché enti promotori dei progetti Nuvole 2 (Penelope), Fari 2.0 (Proxima) e Maddalena (Casa dei giovani), finanziati dalla presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento Pari opportunità, intendono mettere a disposizione le proprie esperienze territoriali in un quadro multiagenzia avente ad oggetto la creazione e la messa a regime di un adeguato sistema di governance per la tutela delle vittime di tratta e grave sfruttamento nella regione siciliana. Martedì 26 giugno, invece, sempre nella sede del Libero consorzio comunale di Caltanissetta, in viale Regina Margherita 28, dalle 9 alle 17, è in programma un meeting formativo sul tema “Esperienze territoriali in un quadro multiagenzia” promosso dai tre enti. Luca Pianese dell’Oim parlerà della vulnerabilità delle vittime di tratta e dell’identificazione preliminare, Stefania Russello dell’associazione Casa dei giovani si occuperà del sistema antitratta, dall’emersione all’inserimento sociale delle vittime. Quindi Ausilia Cosentini della cooperativa Proxima farà un focus sulle tipologie di sfruttamento. Le modalità di coordinamento tra gli attori coinvolti sarà, invece, il tema trattato da Oriana Cannavò dell’associazione Penelope. Per l’occasione, l’Ordine professionale degli assistenti sociali della Regione Sicilia ha riconosciuto 5 crediti formativi. E’ possibile richiedere informazioni inviando una mail a formazione@proximarg.org

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

diciannove − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.