Hot spot di Pozzallo in pre allarme per arrivo 519 migranti

Hotspot di Pozzallo. E’ allarme:” C’è una nave in arrivo con 519 persone a bordo e un cadavere”.
Alzi la mano chi riesce a indovinare in base a quali criteri e scelte logistiche il Ministero dell’Interno, considerato che il Cpsa – hotspot di Pozzallo può ospitare un numero massimo di 180 persone, abbia inopinatamente deciso di far sbarcare la nave al porto di Pozzallo.
Dice: Ma una volta esperite le procedure di identificazione e fotosegnalamento i migranti vengono trasferiti altrove; dunque, dove sta il problema?
Risposta scontata: Basta leggere decine e decine di pezzi di cronaca di questi ultimi anni per toccare con mano una realtà cruda e contraddittoria rispetto alla continua violazione della normativa vigente.
L’arrivo della nave con 519 migranti è previsto per la tarda serata di oggi. Per non creare una delle solite incredibili situazioni di sovraffollamento della struttura ricettiva, 339 dei 519 migranti, dunque, dovrebbero essere trasferiti altrove subito dopo lo sbarco, in piena notte. Da non credere.
L’operazione si concluderà con l’andazzo di sempre: sovraffollamento della struttura ricettiva con conseguenti criticità di carattere igienico sanitario, per non dire del grave rischio che corrono gli addetti all’ordine pubblico impegnati a garantire legalità e sicurezza.
Chi ha deciso cosa, immaginando con non poca fantasia di far attraccare la nave al porto di Pozzallo?
Questa la domanda che rivolgiamo al ministro Matteo Salvini che di legalità e sicurezza parla venti ore al giorno.
Per la cronaca raccontiamo che i 519 migranti a bordo della nave Diciotti della Guardia costiera sono stati salvati in sette diversi interventi in mare. Tre donne ed un uomo, che avevano bisogno di cure mediche urgenti, sono stati trasferiti a Lampedusa. Il cadavere a bordo della nave era stato recuperato dal mercantile Vos Thalassa che ha soccorso 212 persone. Fra i migranti salvati anche i 42 soccorsi dalla nave della marina americana Trenton.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI