Meeting finale per il progetto “Erasmus+ sulla sostenibilità” dell’Istituto “Grimaldi” di Modica

0
710

Si è concluso in Polonia il Transnational Project Meeting del progetto Erasmus+ “Sustainable Consumption and Production in Social Life” dell’Istituto Grimaldi di Modica. Dal 14 al 16 maggio, i rappresentanti delle scuole coinvolte nel progetto, provenienti da cinque diversi stati europei (Italia, Estonia, Romania, Turchia e Polonia) si sono dati appuntamento a Kalety, presso la scuola “Zespol Szkol w Kaletach Miotku”, per discutere le fasi conclusive del progetto e gli adempimenti finali prima della chiusura ufficiale, il 31 agosto 2018. L’Istituto Grimaldi ha partecipato con tre docenti del gruppo Erasmus, Graziella Corallo, Roberta Iurato e Raffaele Iacono.

Il progetto ha avuto inizio nel settembre 2016 quando le scuole partner hanno avviato i contatti per il primo TPM, tenutosi sempre nella scuola polacca, capofila del progetto. In tale sede è avvenuta la programmazione delle mobilità di LTTA (Learning Teachingand Training Activities) e dei prodotti da realizzare in relazione alla tematica della sostenibilità. Sono state effettuate quattro mobilità, di cui una in ingresso in Italia e tre in Romania, Estonia e Turchia. 15 studenti delle classi seconde e terze dell’Istitutohanno partecipato agli scambi a breve termine nei paesi partner, sperimentando l’ospitalità in famiglia e svolgendo le attività didattiche previste nelle scuole ospitanti. Complessivamente, il numero degli studenti coinvolti è stato molto più alto, se si considera che durante la mobilità in ingresso più alunni hanno partecipato alle attività organizzate dall’Istituto “Grimaldi”, come laboratori di cucina, giochi e sport in palestra e al mare, visita all’azienda agraria e alla città di Modica.

Molti i prodotti digitali e cartacei realizzati dagli studenti durante lo svolgimento del progetto: poster e logo, calendari, lesson plans, filmati, sito web, il magazine online “FuturEu”, l’astronave immaginaria che attraversa la terra per diffondere i principi della sostenibilità. Le conoscenze e le competenze degli alunni sono state valutate attraverso dei questionari elaborati dai docenti, che hanno messo in evidenza i progressi maturati durante i due anni della durata del progetto. La presentazione e l’analisi dei dati dei questionari di ogni paese è stata uno dei punti all’ordine del giorno del meeting finale. Una conoscenza più approfondita dei temi legati all’ambiente e una maggiore sensibilità verso un consumo più consapevole testimoniano l’efficacia delle attività,rafforzata peraltro dall’integrazione della tematica della sostenibilità nel curricolo scolastico degli alunni, come previsto dall’Application Form del progetto. La programmazione per competenze attuata nelle classi seconde dell’Istituto, infatti, è stataagganciata alla tematica Erasmus e le Unità di Apprendimentohanno trattato in chiave interdisciplinare il tema del “Consumismo e consumo sostenibile”.

Più che positivo il bilancio finale al termine del progetto: una accresciuta consapevolezza riguardo ai temi della sostenibilità; miglioramento delle competenze linguistiche – l’inglese è stata la lingua veicolare usata nella comunicazione – e delle competenze tecnologiche, grazie alla realizzazione di prodotti per i quali è stato necessario l’uso di strumenti digitali; arricchimento delle conoscenze culturali e didattiche; acquisizione di una coscienza europea con conseguente indebolimento degli stereotipi nazionali e rafforzamento delle interazioni sociali. Il percorso delle attività e le competenze acquisite sono documentate nel certificato Europass, lo strumento più attuale e completo delle esperienze formative in un paese europeo, consegnato a studenti e a docenti, alla fine di ogni mobilità.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

diciannove − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.