Grave situazione di disagio denunciata all’Ospedale “Maria Paternò Arezzo” di Ragusa

0
2582

Cgil FP, Uil FP F.S.I., Fials e Ugl denunciano una grave situazione di disagio in cui riversa, oramai da parecchio tempo, il reparto SPDC dell’Ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa, “causa il perpetuarsi di spiacevoli episodi che continuano a ledere fortemente l’incolumità e la dignità dei pazienti e dei lavoratori”.
Già in passato il sindacato aveva segnalato le sempre più frequenti minacce ed aggressioni fisiche, fino alla recente vicenda del 17/04/18 che ha fatto il giro tra i diversi media locali, da parte di un paziente proveniente dall’OPG,ancora in attesa di una collocazione adeguata alla sua condizione di salute, malgrado l’ordinanza del Giudice di Sorveglianza.
“Si aggiungono le gravi carenze strutturali, che non garantiscono le condizioni di adeguatezza e di sicurezza sia per i pazienti che per gli operatori stessi, tanto che già diversi operatori hanno dovuto ricorrere alle cure sanitarie, visto il venire meno del loro status di salute psico-fisico.
Si fa appello a tutte le forze politiche ed istituzionali, affinchè si possano dare delle adeguate risposte in merito, vista la poco piacevole vicenda che sta logorando tutti gli operatori sanitari, nessuno escluso, della SPDC di Ragusa”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

9 + 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.