Ragusa. Arrestato marito violento. La vittima fugge con in braccio i figli

La Polizia di Ragusa – Squadra Mobile e Ufficio Immigrazione – ha tratto in arresto un albanese di 36 anni per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Tutti i poliziotti sono impegnati a lavorare nei diversi uffici della Questura di Ragusa, quando si sentono delle urla disperate provenire dal parcheggio pubblico adiacente.
Gli uomini della Squadra Mobile non riescono a vedere nulla dalle finestre dei loro uffici e senza alcuna esitazione si precipitano giù per le scale per andare in soccorso della donna.
Tante le persone presenti che correvano allontanandosi velocemente ed una donna che continuava a chiedere aiuto con due bambini in braccio.
Alcuni poliziotti rassicuravano la donna chiedendole cosa stesse accadendo e la vittima riferiva di essere stata colpita al volto dall’ex marito fornendo la via di fuga. Nel contempo altri operatori della Squadra Mobile e dell’Ufficio Immigrazione raggiungevano l’uomo bloccandolo e portandolo all’interno della Questura.
La vittima veniva condotta presso l’ufficio sanitario della Polizia di Stato dove il medico prestava le prime cure in quanto perdeva sangue dal naso e successivamente veniva accompagnata da personale specializzato della Squadra Mobile presso il pronto soccorso per esami diagnostici accurati.
Non appena curata, la donna veniva giudicata guaribile in 10 giorni e accompagnata nuovamente presso gli uffici della Squadra Mobile dove denunciava nuovamente l’ex marito per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.
I due si sono separati da poco e l’uomo non accettando il rifiuto da parte della moglie di continuare a vedersi, in più occasioni l’ha minacciata di morte. Di recente una pattuglia della Squadra Mobile è intervenuta presso l’abitazione della madre della vittima bloccando l’uomo che attendeva la donna sotto casa con un coltello in tasca.
Qualche giorno fa, essendo l’uomo a conoscenza che la donna dovesse ritirare il permesso di soggiorno appena rinnovato, ha atteso nei pressi della Questura che arrivasse la sua ex. Non appena vicino l’ha minacciata perché voleva prendersi i figli e quando la donna li ha lasciati andare, accortasi che si stava allontanando, ha tentato di riprenderli e lui per risposta l’ha colpita con schiaffi e pugni.
In continui e reiterati comportamenti minacciosi e l’ultimo atto di violenza, hanno permesso alla Squadra Mobile di trarre in arresto il soggetto violento.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI