Alla Società Operaia “Giuseppe Garibaldi” di Ispica si presenta il libro “Aforismi”, di Peppino Burgio

Una delle ultime fatiche letterarie di Peppino Burgio, il poeta contadino originario di Monterosso Almo, sarà presentata sabato 10 marzo nella sede della Società Operaia Giuseppe Garibaldi di Ispica. “Aforismi – Il lievito di casa nostra – La menzogna resta orfana, la verità è figlia unica” è il titolo di un libro in cui sono raccolti 2.361 aforismi, magistralmente e rigorosamente narrati in dialetto, che mettono in risalto la famiglia, l’amore, la sofferenza, il potere, la forza, la speranza, la fede, il bene e il male, la giustizia, la verità e l’amicizia. A presentare il libro sarà il prof. Corrado Monaca. Ci saranno gli interventi di Innocenzo Leontini, Antonello Lucifora e Grazia Dormiente. Sarà presente l’autore che darà lettura degli aforismi richiamati negli interventi. L’appuntamento prenderà il via alle 17,30 nella sede di corso Garibaldi 11. “Il mio nome di battesimo è Giuseppe, detto Peppino – si racconta l’autore – il cognome è Burgio ed ho anche un soprannome: Bubbù. Sono nato a Monterosso Almo, nel quartiere Ro jettu, sotto i bombardamenti, quando c’era la fame nera; durante la Seconda guerra mondiale, esattamente il 26 agosto del 1942”. “Onore, ancora una volta – scrive Emanuele Bellassai in un commento agli Aforismi di Burgio – al nostro “poeta contadino”, straordinario contemporaneo, capace di “saper leggere” dentro le cose e gli eventi di questo tempo e di narrarcele con un linguaggio semplice, piacevole, che incanta e rallegra”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI