Il dentista in…forma

Parte oggi una nuova rubrica medica che può rappresentare un utilissimo supporto per i nostri lettori. “Il dentista in…forma” grazie all’ausilio di stimati professionisti del settore ogni settimana verrà affrontato un argomento inerente la cura e la salute della bocca.
Oggi il dott. Alessandro Brugaletta del Centro Dentistico Mediterraneo ci parla di un argomento tanto semplice quanto importante: Come lavare i denti nella maniera corretta?

COME LAVARE I DENTI

Una delle domande più frequenti che un paziente pone al proprio dentista è quale sia il modo più corretto per pulire i denti.
La domanda è molto importante, perché moltissimi pazienti che lavano i denti non lo fanno correttamente, rendendo quasi vana l’operazione.
Le pratiche di igiene orale quotidiana domiciliare, se non eseguite nel modo corretto e con gli adeguati tempi, sono inutili se non addirittura dannose per la salute di bocca e denti.
Per mantenere una buona igiene orale, i mezzi a nostra disposizione da utilizzare quotidianamente sono diversi: spazzolino, filo interdentale, dentifricio, collutorio.
Oggi parleremo dello spazzolino, lo strumento principale per la pulizia dei denti, e della tecnica corretta per il suo utilizzo.

SCELTA DELLO SPAZZOLINO
Come tutti sappiamo, in commercio si trovano moltissimi tipi di spazzolino, sia manuali che elettrici.
Il primo consiglio che posso dare è quello di scegliere uno spazzolino che abbia setole in nylon di consistenza media.
Per quanto riguarda la dimensione della testa, è importante che permetta di raggiungere con facilità tutte le superfici dei denti, è quindi da scegliere in base alle dimensioni della bocca dell’utilizzatore.
Scelta finale è se comprarne uno elettrico o manuale. In breve posso dire che non c’è molta differenza sul risultato finale, a condizione che entrambi gli strumenti si utilizzino nel modo corretto.
Ma torneremo più in dettaglio su questo ultimo argomento in un prossimo articolo.

LA TECNICA CORRETTA DI SPAZZOLAMENTO
Una corretta tecnica per spazzolare i denti è fondamentale per rimuovere placca e residui di cibo, evitare di danneggiare i denti o lesionare e/o traumatizzare le gengive.
Proprio così, spazzolare in maniera errata, con movimenti scorretti o troppo energici può, oltre ad essere inefficace, danneggiare denti e gengive.
Per una perfetta pulizia dei denti, sembrerà banale dirlo, ma è necessario prestare attenzione a quello che si fa. Molte persone infatti lavano i denti velocemente e pensando ad altro, o compiendo altre azioni contemporaneamente, così da non essere concentrati sui movimenti e sulle zone che si puliscono. Lavarsi i denti è una cosa importante, non lo si può fare in maniera distratta.

-Per le superfici esterne ed interne dei denti superiori bisogna appoggiare lo spazzolino, con un’inclinazione di 45° rispetto alla superficie del dente, dal basso verso l’alto, inserendo molto delicatamente la punta delle setole all’interno del solco gengivale.
Si eseguono dei delicati movimenti di vibrazione, per far muovere la punta delle setole, infine si esegue una rotazione dello spazzolino verso il basso.
Ripetere questi movimenti 3-4 volte per gruppi di 2 o 3 denti per tutte le superfici dei denti superiori (per pulire agevolmente il settore frontale dal lato interno si consiglia di utilizzare lo spazzolino in direzione verticale)
-Per le superfici esterne ed interne dei denti inferiori bisogna appoggiare lo spazzolino, con un’inclinazione di 45° rispetto alla superficie del dente, stavolta dall’alto verso il basso, e poi procedere come per i denti dell’arcata superiore, effettuando la rotazione finale dello spazzolino verso l’alto.
-Per le superfici masticatorie dei denti superiori ed inferiori, dirigere le punte delle setole nei solchi e nelle fossette ed eseguire movimenti in avanti ed indietro.
-Ricordarsi infine di pulire la lingua, o con gli appositi pulisci lingua o con lo stesso spazzolino, effettuando movimenti morbidi e delicati.
SONO ASSOLUTAMENTE DA EVITARE MOVIMENTI IN ORIZZONTALE DELLO SPAZZOLINO SULLE SUPERFICI ESTERNE DEI DENTI.

DURATA E FREQUENZA DELLA PULIZIA DEI DENTI
Un fattore spesso sottovalutato è il tempo dedicato allo spazzolamento.
Per una corretta pulizia si devono impiegare circa 2 minuti per arcata, quindi circa 4 minuti per pulire tutta la bocca.
I denti andrebbero puliti, quando possibile, dopo 20 minuti da qualsiasi pasto o spuntino, e comunque non meno di 3 volte al giorno (colazione, pranzo, cena).

Per concludere è importante ricordare che lo spazzolino pulisce perfettamente le superfici esterne, interne e masticatorie dei denti, ma non pulisce bene le zone tra dente e dente (superfici interprossimali) per le quali è più indicato l’utilizzo del filo interdentale.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI