Cerca
Close this search box.

Zona artigianale di Ispica. Quale la verità?

Tempo di lettura: 2 minuti

Tra le comunicazioni rese alla stampa in questi giorni ed aventi ad oggetto la Zona Artigianale di Ispica, si è parlato di presunte situazioni bloccate e di somme che rischiavano di andare perdute a causa di un’inerzia ascrivibile ad amministrazioni precedenti.
“Si tratta di affermazioni destituite di fondamento -dicono i consiglieri comunali di opposizione  Pierenzo Muraglie (foto), Carmelo Oddo, Giovanni Muraglie, Angelina Sudano e Marco Ruffino – e facilmente confutabili visto che le tappe che portano ai giorni nostri sono scandite dal tempo e dagli adempimenti. A partire da dicembre 2015 quando  fu assegnato l’incarico per lo studio della Valutazione Ambientale Strategica;  il 2 luglio del 2018, dopo aver atteso il riscontro da Palermo, il Consiglio Comunale approvò il piano attuativo;  nel 2019 fu assegnato l’incarico per la progettazione esecutiva;  nel 2020 fu assegnato l’incarico ai geologi; il 6 agosto 2020 fu depositato il progetto esecutivo, approvato dalla Giunta Comunale il 10 settembre 2020 e poi trasmesso all’ex Provincia di Ragusa;  il 7 ottobre 2020 arrivò l’ok con il formale impegno delle somme da parte del Libero Consorzio Comunale di Ragusa”.
Il merito, dunque, consisterebbe nel non aver perso i soldi ottenuti da altri?  
Cosa si è fatto da ottobre 2020 a giugno 2023? Chi ha “impantanato” cosa?
“Noi abbiamo fatto tutto ciò che si poteva fare nel rispetto dei dettami di legge, senza indugio alcuno – dicono i cinque consiglieri -. Non accettiamo lezioni di “bon ton” politico considerato che noi abbiamo dimostrato, con i fatti, di “saper andare oltre” per il bene della città. In Consiglio Comunale, in più di un’occasione, abbiamo consentito ad un’Amministrazione non autosufficiente nei numeri di adottare atti urgenti ed indifferibili. Ribadiamo, piuttosto, l’invito ad intervenire per ripristinare il muro del Cimitero Comunale e, al contempo, a darci notizia dell’affidamento dell’incarico per la progettazione esecutiva per procedere al completamento dell’area attualmente adibita a parcheggio.
Dal 2020 ad oggi sono trascorsi quasi 3 anni e mezzo: oltre al tempo speso per revocare gli atti delle Amministrazioni Comunali precedenti, cosa è stato fatto?
Noi restiamo in attesa di risposte concrete”.

529346
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top