Cerca
Close this search box.

FNSI. Guerra Israele-Hamas: stillicidio di giornalisti

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Comitato per la Protezione dei Giornalisti (Cpj) ha fornito un aggiornamento sui giornalisti e operatori dei media uccisi dalla guerra tra Israele e Hamas. Secondo l’organizzazione il conflitto ha portato al mese più sanguinoso per i giornalisti da quando ha iniziato a raccogliere dati nel 1992. Al 20 novembre sono confermati deceduti 48 giornalisti e operatori dei media, di cui 43 palestinesi, 4 israeliani e un libanese. Secondo il Cpj i giornalisti rimasti feriti sono 9, tre dati per dispersi, mentre 13 sarebbero stati arrestati. Tra le vittime c’è anche Bilal Jadallah, direttore di Press House-Palestine, un’organizzazione no-profit che sostiene lo sviluppo dei media palestinesi indipendenti. Il reporter è stato ucciso nella sua auto a Gaza in un attacco aereo, secondo il Sindacato dei giornalisti palestinesi, Al Qahera News e Youm7 con sede al Cairo.

Ansa/Ass/gr

522710
© Riproduzione riservata

1 commento su “FNSI. Guerra Israele-Hamas: stillicidio di giornalisti”

  1. Adesso gli israeliani apriranno una inchiesta, perché per Israele sono stati i palestinesi ad ucciderli. Porteranno pure dei video come prova, come con la giornalista di Al Jazeera……sono bravissimi in queste cose. Israele è autorizzato visto la sua forza militare e con il consenso degli Usa che per prendere un terrorista può abbattere un intero quartiere di civili donne e bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top