Ordini Avvocati. Conferenza sulle Pari Opportunità

Tempo di lettura: 2 minuti

La Rete Regionale dei Comitati Pari Opportunità degli Ordini degli Avvocati di Sicilia ha organizzato a Palermo nei giorni 24 e 25 Giugno la Conferenza Nazionale dei CPO degli Avvocati Italiani denominate”Le Giornate Siciliane delle Pari Opportunità”. L’evento vedrà coinvolti tutti i massimi vertici dell’Avvocatura Siciliana e Nazionale, i componenti del CNF, dell’OCF e di
Cassa Forense, nonché esponenti delle massime Istituzioni Nazionali e Regionali, con la presenza di oltre 200 partecipanti. La conferenza si svolgerà ai Cantieri Culturali alla Zisa e si articolerà in due giornate di studio ed approfondimento con diversi panel sulle tematiche della pari Opportunità per un totale di 12 ore complessive. Ci si confronterà su diversi temi cari ai Cpo tra cui il principio di non discriminazione di cui l’Avvocatura, per il ruolo sociale che svolge, è presidio di tutela.
Tra i temi trattati ricordiamo, ad esempio, la violenza economica, il gender pay gap e l’uso discriminatorio del linguaggio. I Comitati Pari Opportunità negli Ordini degli Avvocati sono stati istituiti con la legge professionale del 2012, come organismi obbligatori all’interno di ogni Consiglio dell’Ordine. E’ la prima legge professionale che introduce il principio della rappresentanza e parità di genere, valore aggiunto in una professione che si tinge sempre più di rosa. Gli Ordini Siciliani hanno prontamente risposto indicendo, in ogni Ordine, le elezioni per la
e costituzione dei Comitati. In Sicilia la Rete dei Cpo è stata costituita nell’Ottobre 2015, composta originariamente, dai CPO di Siracusa, Caltanissetta, Gela ed Enna sotto la Presidenza dell’Avv.ta Elisabetta Guidi. Man mano hanno aderito i vari Comitati dei Fori Siciliani e sotto il biennio della Presidenza dall’Avv.ta Antonella Macaluso la Rete era al completo. Oggi la Rete dei CPO Siciliani, presieduta dall’Avv.ta Rosy Musciarelli, del foro di Gela, con questa importante iniziativa formativa, ha voluto coinvolgere tutta l’Avvocatura Italiana per riflettere e discutere di parità nell’accesso, formazione e qualificazione professionale e sulle strategie da mettere in campo per prevenire e rimuovere comportamenti discriminatori legati al genere o altra forma di discriminazione tra gli iscritti agli albi forensi, con uno sguardo sempre attento al contesto sociale in cui gli Avvocati operano.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI