Il piccolo Mustafà operato dal monterossano Mario Messina

Tempo di lettura: 2 minuti

Una foto del fotografo turco Mehmet Aslan, scattata nei mesi scorsi ad un padre siriano, che aveva perso una gamba durante un bombardamento del 2014, mentre sollevava il piccolo Mustafà, nato nel 2017 , senza braccia e senza gambe , fa conoscere al mondo intero la tragica storia di questa famiglia siriana. Immediatamente si mette in moto una gara di solidarietà promossa sia dagli Organizzatori della mostra fotografica “ Siena International Photo Awards “ , sia dalla Chiesa che dalla Caritas . Grazie anche all’interessamento e l’intervento del Governo Italiano si rende possibile alla famiglia di Mustafa’ venire in Italia e ricevere le cure mediche necessarie.

A Siena è presente infatti un centro di eccellenza di chirurgia pediatrica noto in tutto il mondo. Il professore Mario Messina, monterossano di nascita , direttore dell’Unità operativa complessa di Chirurgia Pediatrica del Policlinico “Santa Maria alle Scotte” di Siena con la sua èquipe , insieme al professor Francesco Molinaro, agli anestesisti dell’Anestesia e Rianimazione Perioperatoria diretta dal dottor Pasquale D’Onofrio e a tutto il personale di sala operatoria è intervenuto effettuando con molto successo sul piccolo Mustafa’ un complesso e delicato intervento di chirurgia pediatrica, per una malformazione congenita, durato più di tre ore. “ Il nostro Dipartimento ha accolto con entusiasmo Mustafà, – ha dichiarato il professore Mario Messina – Il piccolo è in buone condizioni di salute e dopo le dimissioni dovrà recarsi al centro specialistico di Budrio per la valutazione dei successivi step relativi al suo percorso di cura. Ringrazio la Caritas che è stata presente tutti i giorni e i cui esponenti sono stati meravigliosi”.

Nella foto
Il monterossano professore Mario Messina è il primo a sinistra.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI