Scicli, perso il finanziamento per la rigenerazione urbana

Tempo di lettura: 2 minuti

Scicli ha perso il finanziamento per la rigenerazione urbana. Mentre Ragusa, Modica, Ispica, Comiso e Vittoria beneficeranno di diversi milioni di Euro per progetti di rigenerazione urbana, il  Comune di Scicli si ritrova ad essere la cenerentola delle Amministrazioni Comunali in Provincia in materia di partecipazione e recezione dei bandi comunitari. Infatti, la mancata presentazione dei progetti ha impedito al nostro Comune di ottenere questi importantissimi finanziamenti europei, rientranti nel PNRR. Quindi, non presentando alcun progetto, Scicli ha perso l’occasioni di effettuare irripetibili interventi di rigenerazione urbana, riduzione della marginalizzazione e del degrado sociale e miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale.

“Scicli non può permettersi di perdere questi finanziamenti – dice la coalizione che appoggerà il candidato sindaco Mario Marino ( Scicli al Centro – Libertà Popolare – SiAmo Scicli – Obiettivo Comune ) -. Non può permettersi di perdere il treno delle opere pubbliche e dello sviluppo economico e digitale che oggi e per i prossimi anni è rappresentato dal PNRR. I cittadini meritano di sapere a che punto sono gli iter dei finanziamenti ottenuti. Ne citiamo alcuni:

Per dare attuazione al finanziamento di 4 milioni per il Porto di Donnalucata, il Comune ha presentato, così come richiesto dalla Regione poiché atto preliminare indispensabile, il Piano Comunale di Protezione Civile?

  • Che fine hanno fatto i Cantieri di Lavoro previsti per la borgata di Donnalucata, finanziati nel 2019 con decreti da parte dell’Assessorato Regionale alla Famiglia, Servizi Sociali e Lavoro? Questi cantieri avevano una duplice finalità: svolgere manutenzione urbana e dare un sostegno economico a circa quaranta lavoratori, quindi famiglie, di fascia economica debole da impiegare;
  • L’Opera Pia Carpentieri, il Convento del Rosario e la Chiesa del Gesù hanno ottenuto dei finanziamenti per interventi di manutenzione, a che punto è l’iter? Perché i lavori non sono stati avviati?
  • Il restauro del Convento delle Milizie è stato finanziato con 400 mila Euro, all’interno del PSR (Piano Sviluppo Rurale), a che punto è l’iter?

Senza dimenticare il finanziamento perso, ben 5 milioni di Euro, per l’ex Mercato del Fiore o la tragicomica vicenda della piscina comunale, con tanto di bando fatto e offerte presentate, di cui non si è saputo più nulla.

Se a monte, cioè la Regione, c’è la responsabilità di individuare ed erogare i finanziamenti, a valle, cioè il Comune, c’è la responsabilità di occuparsi della parte esecutiva, di presentare i progetti ed espletare gli atti di propria competenza. Questo per quanto attiene ai finanziamenti regionali.

Per quanto attiene ai bandi statali ed europei, è il Comune, vedi il caso della rigenerazione urbana, che ha il compito di individuare e partecipare ai bandi, presentando i progetti, quindi occupandosi della parte esecutiva, per ottenere i necessari finanziamenti.

La programmazione – conclude la coalizione – – a partire dall’istituzione di un apposito Ufficio che si occupi solo di individuare e partecipare ai bandi regionali, statali ed europei, ed una seria riorganizzazione della burocrazia comunale sono presupposti necessari per ridare slancio all’operatività del Comune, con relative ricadute positive sullo sviluppo del territorio”.

 

 

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI