Carasi (Ust Cisl): “Patto sociale che dia equità a un cambiamento non più rinviabile”

Tempo di lettura: 2 minuti

“L’impegno del sindacato responsabile, unito alla capacità d’ascolto delle dinamiche dello sviluppo, dovrà cercare di diradare la maggior parte delle nebbie e produrre un piano d’azione coesivo per lo sviluppo. Restano, però, alcune criticità da affrontare subito come quella di alzare ulteriormente gli stanziamenti, pur importanti, del Fondo contro il caro bollette per sostenere fasce deboli e famiglie in difficoltà”. E’ quanto afferma la segretaria generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, indicando, anche per l’area iblea, la necessità di inserire queste priorità in una road map partecipata per la crescita, lo sviluppo e l’occupazione “che dia risposte – aggiunge – alla nuova agenda sociale, mandando in profondità la campagna vaccinale, realizzando velocemente le riforme, fronteggiando il caro prezzi, avviando una nuova politica dei redditi, sostenendo quantità, qualità e stabilità del lavoro. La Cisl, a livello nazionale, ha già chiesto una svolta su formazione e politiche attive. Anche sul territorio della provincia di Ragusa è indispensabile incardinare la transizione ecologica e digitale sui binari della sostenibilità sociale, rilanciando nuove politiche per la crescita delle Pmi e condizionalità sociali per gli investimenti del Pnrr. Il percorso riformista del 2022 è composto da queste tappe, e su questi temi dobbiamo aprire subito un cantiere concertato, verso un Patto sociale che dia equità e stabilità al cambiamento”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI