M5s ibleo interviene sulla Srr di Ragusa e i bandi del Pnrr

Tempo di lettura: 2 minuti

I consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle della provincia di Ragusa hanno formalizzato, nei rispettivi Comuni, la presentazione di una interrogazione per sollecitare le varie amministrazioni locali a intervenire nei confronti della Srr Ato 7 Ragusa e, in particolare, del presidente della stessa società, l’attuale sindaco di Ragusa. Ecco perché, nel Comune capoluogo, l’interrogazione al doppio destinatario, sindaco e presidente della Srr, ha avuto di fatto lo stesso soggetto, l’avvocato Giuseppe Cassì.

I consiglieri comunali di Ragusa che hanno sottoscritto l’interrogazione sono Sergio Firrincieli, Giovanni Gurrieri, Antonio Tringali, Alessandro Antoci e Zaara Federico. A Modica, Marcello Medica. A Comiso, Patrizia Bellassai. A Scicli, Concetta Morana. A Vittoria, Valentina Argentino. Ad Acate, Roberta Cavallo, Alessandro Carrubba, Concetta Celeste e Giovanni Occhipinti. Ma quali sono di fatto le richieste contenute nel documento ispettivo? E perché tutti i Consigli comunali in cui si registra la presenza di un esponente dei Cinque Stelle sono stati interessati dalla sua presentazione? “Il ministero della Transizione Ecologica – è spiegato – ha recentemente pubblicato i decreti contenenti i criteri di selezione per i progetti relativi a raccolta differenziata, impianti di riciclo e iniziative “flagship” per le filiere di carta e cartone, plastiche, Raee e tessili. Il 15 ottobre scorso sono stati resi pubblici anche gli avvisi per la presentazione delle proposte progettuali. Nell’ambito del cosiddetto Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), infatti, sono stati previsti (tra gli altri) circa 1,5 miliardi di euro per la realizzazione di nuovi impianti di gestione dei rifiuti e l’ammodernamento di impianti esistenti”.

“Le attività finanziabili – continua ancora il documento – sono state suddivise in tre linee di intervento: linea d’intervento A – miglioramento e meccanizzazione della rete di raccolta differenziata dei rifiuti urbani; linea d’intervento B – ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e realizzazione di nuovi impianti di trattamento/riciclo dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta differenziata; linea d’intervento C – ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e realizzazione di nuovi impianti innovativi di trattamento/riciclaggio per lo smaltimento di materiali assorbenti ad uso personale (Pad), i fanghi di acque reflue, i rifiuti di pelletteria e i rifiuti tessili. Considerando che i destinatari dei finanziamenti sono gli Egato operativi, ovvero le Srr, si richiede quali azioni l’Ato 7 stia ponendo in atto, o abbia intenzione di porre in atto, per usufruire dei contributi a fondo perduto citati. I bandi pubblicati, infatti, prevedono la realizzazione di una serie di interventi indubbiamente utili per il territorio ragusano (tra cui si citano a titolo di esempio centri per il riuso, isole ecologiche e software gestionali) e sicuramente meritevoli di essere presi in considerazione e proposti come oggetto di finanziamento. Tenendo in considerazione che le richieste per l’accesso ai fondi si possono presentare entro febbraio 2022, ai fini di una celere e fattiva presa di posizione da parte della Srr, sono state sollevate delle domande riguardo a tutte le azioni che si stanno predisponendo atte ad assicurare il tempestivo vaglio delle migliori opzioni per la nostra comunità e conseguente presentazione delle proposte progettuali correlate”.

Fin qui la richiesta congiunta. Che fa riferimento a finanziamenti in procinto di arrivare grazie al Governo Conte, soldi che non è possibile fare perdere anche in termini di ricaduta economica sui territori. Adesso, però, si dovranno valutare le risposte da parte della Srr e soprattutto l’intenzione e la volontà concreta di partecipare con profitto ai bandi in questione.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI