Zootecnia. “Le aziende rischiano per la latitanza della politica regionale”

Tempo di lettura: 2 minuti

“La valorizzazione e la tutela dei prodotti caseari sono aspetti importanti della filiera zootecnica e sono contento che si svolgano iniziative come “Progetto Fattoria” che puntano su produzioni d’eccellenza, ma non è tutto rosa e fiori”. Lo ha dichiarato questa mattina l’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico e segretario alla Presidenza dell’ARS, intervenendo al convegno di chiusura del progetto di valorizzazione del Ragusano DOP e dei prodotti biologici lattiero-caseari, “ATS Progetto Fattoria” appunto, svoltosi questa mattina a Ragusa.
“Purtroppo, mentre ci si impegna per la valorizzazione del formaggio Ragusano DOP e di altri prodotti garantiti da un marchio di qualità – ha aggiunto il parlamentare dem nel suo intervento – i produttori soffrono e rischiano di finire gambe all’aria perché i costi di produzione sono sempre più alti, con un rincaro delle materie prime, dei costi energetici e dei foraggi, e rispetto a tutto ciò il prezzo del latte è troppo basso mentre la concorrenza estera è aggressiva.
Se non si interviene in modo radicale e strutturale, l’agricoltura e la zootecnia della provincia di Ragusa, che rappresentano la massima parte del settore nell’Isola, rischiano di morire.
Su questo il Governo regionale ha delle responsabilità innegabili: si sono persi quattro anni per gli aiuti alle imprese e per il benessere animale, e mi auguro che nello scorcio di legislatura che rimane si muova qualcosa”.
L’on. Dipasquale ha poi ringraziato Coldiretti “per i primi importanti risultati ottenuti a livello nazionale, cioè la stipula del cosiddetto “accordo salva stalle”, siglato dai rappresentanti dell’intera filiera, con il quale è stata accolta la proposta per un aumento di 4 centesimi del prezzo minimo del latte senza impatti sui consumatori, impegnando la Grande Distribuzione Organizzata a valorizzare e incrementare gli acquisti di latte UHT, latte fresco, yogurt e formaggi freschi e semi stagionati, tutti da latte 100% italiano, riconoscendo un premio “emergenza stalle”. Adesso, però – ha concluso – in Sicilia dobbiamo vigilare sul rispetto di tale accordo e stimolare il Governo regionale a uscire dalla letargia sulle politiche agricole”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI