No al fascismo. Chiavola (PD Ragusa) presenta ordine del giorno

Tempo di lettura: 2 minuti

“Preoccupano i rigurgiti neonazisti che, a quanto pare, riguardano da vicino anche la provincia di Ragusa e su cui sta indagando la polizia. In attesa che le forze dell’ordine facciano chiarezza, è indispensabile che la politica faccia sentire in modo univoco la propria voce. E così, come già annunciato dal segretario cittadino del Pd, Peppe Calabrese, in qualità di capogruppo ho presentato in aula un ordine del giorno per gridare con forza “No al fascismo”. E’ un segnale di indiscutibile importanza che la città deve dare”. Così Mario Chiavola che, adesso, si aspetta che anche le altre forze politiche possano sostenere questa iniziativa consiliare. “Non ci sono dubbi, e i recenti fatti di cronaca, vedi gli assalti romani alla sede della Cgil, lo testimoniano – aggiunge il capogruppo dem – stiamo vivendo un periodo storico molto particolare. E però non possiamo permetterci di fare passare sotto silenzio determinate circostanze, come se nulla fosse accaduto. Per cui è fondamentale, niente affatto scontato, che possa esserci una presa di posizione unanime e specifica da parte del consesso che rappresenta l’intera città. Ci auguriamo, altresì, che anche l’amministrazione comunale possa seguire questo atto di indirizzo proprio perché è cruciale che possa essere sgombrato il campo da qualsiasi fraintendimento. Sul no al fascismo non possono esserci dubbi né tentennamenti. E’ indispensabile un’azione forte e chiarificatrice da parte della politica locale”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI