Rapina edicola a Ispica. Confcommercio: “Tutti sconvolti”

Tempo di lettura: 2 minuti

Il presidente di Confcommercio Ispica, Carmelo Barrera, unitamente a tutto il consiglio direttivo sezionale, esprimono la propria solidarietà ai titolari dell’edicola-tabaccheria Vendemmia in via Duca degli Abruzzi per la rapina a mano armata subita nella giornata di ieri. L’efferatezza dell’atto criminale, con ignoti malviventi che hanno esploso colpi di arma da fuoco prima all’interno dell’esercizio e poi anche all’esterno per proteggersi la fuga, contribuisce ad aggravare i contorni dell’episodio. “E’ una vicenda molto grave – afferma Barrera – che ha sconvolto gli operatori commerciali del territorio oltre alla cittadinanza. Come Confcommercio, siamo certi che le forze dell’ordine stanno cercando di fare piena luce sull’episodio così da assicurare i responsabili alla giustizia. Non può passare il messaggio che la nostra cittadina sia terra di nessuno. Auspichiamo una risposta forte da parte delle istituzioni. E ci mettiamo a disposizione dei titolari dell’edicola-tabaccheria per assicurare il supporto necessario”. Solidarietà anche dal presidente provinciale, Gianluca Manenti, a nome di tutto il sistema Confcommercio dell’area iblea: “Fatti del genere ci fanno capire come l’attenzione, purtroppo, debba essere sempre alta anche con riferimento a circostanze delittuose come quelle di cui abbiamo appreso che durante il periodo pandemico si erano attenuate e che, adesso, invece, sembra vogliano tornare prepotentemente alla ribalta”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI