M5s Ragusa e il caso Pagoda. “Flop del Sindaco Cassì”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Uno scivolone politico che sarà ricordato, forse, come il momento peggiore della sindacatura Cassì, una disavventura che supera di gran lunga la serie di contenziosi nei quali si è specializzata questa amministrazione nata per mettere tutto a posto: Parco Urbano, questione Teknè, contenzioso con SiSosta, contenzioso per il parcheggio di Punta Braccetto, che si aggiungono alle questioni insolute parcheggio di Ibla, enormi ritardi nei lavori pubblici, musei chiusi, vallata Santa Domenica che non apre, parcheggio di San Paolo chiuso, allargamento sede stradale circonvallazione bloccato, masterplan per l’area dell’ex scalo merci rimasto nel cassetto, per citare solo i casi emergenti”.

Non fanno sconti i Cinque Stelle di Ragusa che affidano al capogruppo Sergio Firrincieli la valutazione di quanto accaduto nell’ultima seduta di Consiglio comunale. “La bocciatura della richiesta di aumento del numero di alloggi della cooperativa Pagoda è il fallimento politico del sindaco Cassì che si è impelagato, inutilmente, in questa complessa vicenda per motivi che soltanto loro conoscono in maniera approfondita, con conseguenze ancora non quantificabili. Con la maggioranza che si ritrova, capace di creare situazioni imbarazzanti a dismisura, per le indecisioni, per le esitazioni, per l’utilizzo dell’aula consiliare come un salone per riunioni condominiali, avventurarsi nell’affermazione, a tutti i costi, della linea del consumo di suolo zero, per 12 alloggi in più, per un caso marginale, è da irresponsabili e inadeguati politicamente. Avevano ragione quanti denunciavano, in campagna elettorale, l’inesperienza amministrativa di Cassì. L’assessore Giuffrida, nei suoi interventi, fino all’ultimo dell’ultima seduta, si è palesemente defilato da posizioni radicali sulla questione, scaricando ogni responsabilità di parere sul Consiglio comunale e, quindi, sulla maggioranza, dissentendo di fatto dalle posizioni che si sono volute perseguire a tutti i costi”.

“La linea della maggioranza, che, in maniera fin troppo evidente, anche per ammissione degli stessi consiglieri di maggioranza, era la linea dettata dal sindaco e dai suoi sodali, illustrata in aula dal presidente della commissione assetto del territorio – prosegue Firrincieli – è stata quella di difendere, a tutti i costi il consumo di suolo zero, per evitare altri spostamenti di residenti dal centro alla periferia, per non appesantire i servizi, per riaffermare che non c’era necessità di ulteriore fabbisogno abitativo. Tutte enunciazioni puntualmente smentite in aula, in primis dal dirigente che ha affermato chiaramente che non c’è consumo di suolo ulteriore, come pure i servizi, quello idrico in particolare, sono stati strutturati ampiamente per i nuovi volumi abitativi. Consumo di suolo zero vuol dire non sfruttare altri terreni agricoli per nuove costruzioni, non certo tirare le redini per quanto già previsto dal Prg in vigore che, colpevolmente, questa amministrazione non riesce a rinnovare. Una vittoria di Pirro, perché in città si costruisce allegramente e legittimamente, le difficoltà di questa amministrazione a relazionarsi con gli uffici palermitani hanno provocato una bocciatura del Parco urbano che comporterà, comunque, altre colate di cemento, non saranno appartamenti, che pure ci sono, ma capannoni che sono peggio di villette a schiera e palazzine. Questa amministrazione non ha saputo prevedere e nulla ha fatto per la decadenza dei vincoli, determinando una conseguente confusione urbanistica che, forse, la città non aveva mai conosciuto e che, forse, qualcuno, sotto sotto, in seno all’amministrazione, gradisce”.

Aggiunge ancora Firrincieli: “Tutti da verificare i risvolti del caso ‘Pagoda’, ma, intanto, sono enormi i danni interni: il dirigente che smentisce amministrazione e maggioranza, assessore non tanto distante dalle posizioni del dirigente, capogruppo in netto dissenso con la sua maggioranza, componenti della stessa che, prima o dopo, presenteranno il conto. Che dire poi di una compagine di governo permeabile come un colabrodo, indiscrezioni che sono trapelate a riunioni ancora in corso, consiglieri che hanno registrato i confronti interni”.

Conclude il capogruppo Cinque Stelle: “Politicamente un fallimento, una battaglia inutile che porterà alla conta di morti e feriti in tempi non tanto lontani, una caduta di credibilità dell’amministrazione, una compagine di Giunta rimasta dietro le quinte che ha fatto esporre solo il primo cittadino, egoisticamente. Nessuno della maggioranza si è alzato a difendere la posizione che veniva presentata come linea condivisa, nessuno che abbia pensato di fare esporre le minoranze con un voto alla luce del sole. Ci sono anche da attendere le reazioni della cooperativa che potrebbero portare all’ennesima stangata per la città, in un momento nel quale le stangate potrebbero essere più di una. L’unica nota positiva della giornata da dimenticare, come aveva auspicato il collega Giovanni Gurrieri, la fine di questa farsa che si è protratta per lungo tempo, chiusa con una convocazione nemmeno concordata fra i capigruppo, particolare che ci ha indotto a disertare la seduta considerato anche che era stato annunciato il raggiungimento dell’intesa interna tanto ricercata”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI