M5S Ragusa e il caso Punta Braccetto. Cassì ostenta chiarimenti

Tempo di lettura: 2 minuti

“Intervenendo alla Festa regionale dell’Unità, che si sta svolgendo a Marina di Ragusa, il sindaco ha affermato che non tutto quello che rilevano le opposizioni è da buttare. Ma è il tipico esempio di chi predica bene e razzola malissimo. Fermandoci alle recenti vicende che interessano Punta Braccetto e alle autorizzazioni per un’area da destinare a parcheggio, il sindaco Cassì se ne esce con una breve nota definita di chiarimento sulla vicenda, nota finalizzata a derubricare come tardivo l’esposto di Legambiente alla Procura”.

E’ quanto afferma Sergio Firrincieli, capogruppo del Movimento Cinque Stelle al Consiglio comunale di Ragusa che aggiunge: “Ma il sindaco non chiarisce i termini dell’accordo, più volte annunciato tramite stampa, con il privato, per il parcheggio, cosa di cui, ora non si parla. Il fatto è che il sindaco si ostina a non rispondere alle opposizioni, non controlla i suoi collaboratori e gli assessori che rilasciano dichiarazioni e foto ai giornali, dimostrando di non sapere di cosa parlano. Ormai, a fine stagione, è inutile fare polemica, è di tutta evidenza che l’amministrazione ha affrontato molto tardi la questione di tutta la costa occidentale del comune di Ragusa e, inevitabilmente, l’ha affrontata malissimo. Con l’assessore, vantano contatti con i residenti, sopralluoghi, ma le situazioni mostrate prima di Ferragosto parlano da sole: se veramente si intravedesse qualcosa di buono fra i rilievi delle opposizioni non ci si limiterebbe a vantare interventi assai tardivi, vedi la chiusura al traffico del sentiero dei Canalotti, oggetto di una ordinanza del 2020, sarebbe molto più onesto ammettere di avere ignorato le spiagge e le scogliere a ovest di Punta Braccetto, riproponendosi di metterle alla prima pagina dell’agenda per il prossimo anno”.

“Ogni ulteriore intervento sulla questione – conclude Firrincieli – è, ormai, inutile, come lo sarebbe una eventuale replica dell’amministrazione: è tutto rimandato alle prossime elezioni, saranno gli elettori a decidere se è meglio sognare gli ascensori orizzontali e obliqui e riscoprire vecchi sentieri, lasciando nel più totale abbandono intere porzioni del territorio comunale, come avviene, del resto, per le contrade e le periferie, del tutto fuori dalle attenzioni dei vari assessori”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI