Convenzione Distretto 45 servizi gestione sociali distrettuali

Fra i comuni di Modica, Scicli, Ispica e Pozzallo
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Comitato dei Sindaci del distretto socio sanitario n. 45 ( Modica, Scicli, Ispica e Pozzallo) ha approvato lo schema di convenzione fra i 4 enti locali per la gestione associata dei servizi sociali distrettuali. La forma associativa fra enti locali della convenzione, nella forma prevista dal Testo Unico degli Enti Locali, è stata voluta dal Dipartimento della Famiglia e della politiche sociali che lo scorso luglio ha approvato le linee guida per la stesura dei Piani di zona 2021. Tali linee disciplinano l’iter di adozione e stipula della convenzione, l’istituzione di un ufficio di piano e l’istituzione della Rete di protezione per l’inclusione locale. Dopo aver approvato lo schema di convenzione, i quattro comuni facenti parti del Distretto 45 si concentreranno adesso sulla costituzione dell’ufficio di piano e sulla convocazione della rete territoriale per la protezione e l’inclusione sociale.
L’Ufficio di Piano va a sostituire per composizione e per compiti il Gruppo Piano e il Gruppo ristretto, individuati nei precedenti atti di programmazione. Si tratta di un organismo necessario, da regolamentare e dotare di autonomia, staccato da altri uffici, dotato di personale, strumenti e metodo di lavoro. Fondamentale il suo ruolo nella gestione dei vari fondi di competenza dei Servizi Sociali dei Comuni del Distretto. Solo per farci un’idea ci sono, tra gli altri, il fondo nazionale delle politiche sociali, disabilità e non autosufficienza, Povertà, PON inclusione Welfare in Rete, PNSCIA, Dopo di Noi, Vita indipendente, fondi comunitari. Una mole di lavoro ingestibile in assenza di un ufficio organizzato e autonomo.
La Rete territoriale per i Piani di Zona è invece istituita dal Comitato dei Sindaci ed é composta da referenti dei Comuni del Distretto Socio-sanitario e dell’Asp, rappresentanti del Terzo Settore, delle Associazioni di categoria, professionali e del mondo della cooperazione, delle Organizzazioni Sindacali, degli Organismi della formazione professionale, delle Istituzioni scolastiche, dei Centri provinciali per l’istruzione Adulti (CPIA), dell’Ufficio Servizio Sociale Minorile (USSM), dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Osservatorio sulla dispersione scolastica, dell’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna (U.E.P.E), dei Centri per l’Impiego (CPI), delle Università e dei Centri di ricerca, enti e associazioni in rappresentanza dei beneficiari degli interventi e dei servizi sociali. Le sue aree di intervento riguardano specifici settori come famiglia, minori e anziani, disabilità e non autosufficienza, povertà ed esclusione sociale.
La bozza di convenzione è stata inviata ai Comuni del distretto affinchè venga approvata dei rispettivi consigli comunali e quindi firmata dai sindaci entro il prossimo 9 settembre.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI