Confcooperative Ragusa da il benvenuto al nuovo vescovo La Placa

L'attenzione verso gli ultimi e i bisognosi è di conforto
Tempo di lettura: 2 minuti

La sede territoriale di Ragusa di Confcooperative Sicilia dà il proprio benvenuto al nuovo vescovo diocesano, mons. Giuseppe La Placa, ordinato appena venerdì scorso nella Cattedrale di San Giovanni Battista. “Diamo il benvenuto – sottolinea il presidente provinciale Confcooperative, Gianni Gulino – al nuovo pastore della comunità dei fedeli a nome anche dei nostri associati la cui tradizione di sostegno e supporto al mondo della cooperazione si innesta su radici a sfondo cattolico. Abbiamo ascoltato con molta attenzione le parole del nuovo vescovo soprattutto quando si fa riferimento agli ultimi e ai bisognosi. E’ questo, soprattutto, il senso dell’azione portata avanti dalle nostre cooperative attive nel terzo settore, sempre alla ricerca di soluzioni organizzative e operative che favoriscano l’integrazione dei servizi sul territorio. E’ un momento complesso, lo sappiamo. Ma la spinta e l’incoraggiamento che possono arrivare da un nuovo vescovo ci fanno guardare al futuro con rinnovata fiducia, auspicando, tra l’altro, che il tempo della pandemia possa finalmente concludersi. Noi continuiamo la nostra azione come sempre con la massima dedizione nei confronti degli assistiti da parte di cooperatori e operatori di un ambito che richiede uno straordinario sforzo in termini di attenzione. Al vescovo La Placa auguriamo, dunque, buon cammino insieme con la nostra comunità”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI