Rifiuti e sbarchi. La linea della Lega Ragusa è inequivocabile

Tempo di lettura: 2 minuti

Rifiuti e sbarchi. Sono le due grandi questioni su cui, politicamente, la Lega Sicilia si sta confrontando, impegnando e assumendo delle decisioni forti. Perché è indispensabile chiarire, in maniera inequivocabile, quale la posizione del partito a vantaggio del territorio di riferimento. “Ed è quanto sta facendo – sottolinea il responsabile Enti locali della Lega per la provincia di Ragusa, Andrea La Rosa – il nostro segretario regionale, on. Nino Minardo, che si sta scommettendo per mettere in chiaro quale la linea della Lega Sicilia. E’ vero, non si può pensare ad un’estate di sbarchi. Ed ecco perché il leader nazionale, Matteo Salvini, sollecitato in questo anche dal nostro segretario regionale, ha sollevato il tema al presidente del Consiglio dei ministri. La Lega pretende un intervento “serio e secco” dal capo del governo e dal ministro dell’Interno. C’è la consapevolezza di tutti che la Sicilia, questa estate, la provincia di Ragusa in modo particolare, considerata la presenza del porto di Pozzallo, debba ritrovare serenità sanitaria, economica e sociale e non lo possa fare senza uno stop immediato all’immigrazione clandestina. E’ giusto quanto afferma l’on. Minardo e cioè che queste povere persone non devono finire in mano ai trafficanti di esseri umani ma devono restare a casa loro e lì essere aiutate. Nella nostra terra non siamo disposti a sopportare altri flussi migratori incontrollati”. L’altro tema riguarda l’avvio della procedura per la realizzazione di due termovalorizzatori in Sicilia. “E’ la notizia – continua La Rosa – che tutta la Lega si aspettava. E ne sappiamo qualcosa noi in provincia di Ragusa dopo i disagi subiti nelle ultime settimane proprio a causa dei rifiuti. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha premuto il piede sull’acceleratore concretizzando una scelta politica che finalmente consentirà alla nostra isola di uscire dalle decennali e croniche criticità nello smaltimento della spazzatura, criticità che tanti danni hanno fatto all’ambiente e all’immagine della nostra terra, così come non ha mancato di rilevare l’on. Minardo. Con i termovalorizzatori diciamo basta all’emergenza rifiuti conciliando tecnologia e rispetto per l’ambiente e diamo seguito a ciò che ha sempre sostenuto il nostro leader, Matteo Salvini”. I due impianti di ultimissima generazione saranno situati uno in Sicilia occidentale e l’altro in Sicilia orientale con la gestione che sarà affidata ai privati “ma ovviamente con il controllo pubblico – conclude La Rosa – mentre la schiavitù delle discariche ce la lasceremo alle spalle”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI