Comibleo. Piazza Marini a Ragusa Ibla nel degrado. Si intervenga

Tempo di lettura: 2 minuti

Versa in condizioni di pesante degrado piazza Giovanni Battista Marini, nel cuore di Ibla, in una zona di transito. E’ il senso della denuncia di Comibleo, il comitato spontaneo di volontariato di cittadini residenti nell’antica Ragusa, che si rivolge all’amministrazione comunale affinché intervenga. “Con l’aggravante – sottolinea Comibleo – che, nella piazza, insiste l’edificio scolastico Giovanni Pascoli e che, quindi, quotidianamente sono decine le persone, tra grandi e piccoli, che circolano nei pressi di un sito che, piuttosto, dovrebbe essere recuperato e riqualificato. Invece, ci sono le mattonelle divelte, oltre che di colorazione diversa, le panchine in cattivo stato e le radici degli alberi che hanno ormai spaccato buona parte della base della piazza. Il tutto, ovviamente, con le immancabili sterpaglie che evidenziano, qui, come altrove, la mancata scerbatura. Una situazione complessiva diventata ormai insostenibile e, per questo motivo, chiediamo al sindaco Peppe Cassì di verificare lo stato della piazza e di programmare la predisposizione degli interventi necessari allo scopo di eliminare tutte le anomalie esistenti”. Aggiunge Comibleo: “E dire che c’era un assessore che aveva lanciato la proposta di colorare e disegnare la piazza oltre che di installare dei giochini per i bimbi. In queste condizioni, però, non avrebbe senso anche perché la piazza insiste in una zona dove il transito dei veicoli è costante e quindi risulterebbe pure pericoloso”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI