Partono i quattro progetti del Servizio Civile dell’Asp Ragusa

Tempo di lettura: 2 minuti

Presentati stamattina nella sala conferenza del “Giovanni Paolo II” di Ragusa i quattro progetti del Servizio Civile Universale dell’ASP Ragusa. È intervenuto il direttore amministrativo Salvatore Torrisi, il direttore del P.O. GPII, Giuseppe Cappello, e il dott. Giuseppe Smecca.

Tutti presenti i 56 – operatori volontari SCU – coordinati dal responsabile Pietro Mandarà.

I progetti dell’Asp vedranno impegnati gli operatori volontari selezionati nell’attuazione di due programmi d’intervento: “Contrasto alle dipendenze” e “Salute e benessere”.  

Il progetto “Prevenire prima possibile”, si svilupperà nelle direzioni sanitarie dei Presidi Ospedalieri di Ragusa, Modica e Vittoria, promuove la salute e gli stili di vita sani, focalizzando l’attenzione sulla prevenzione delle dipendenze e alla lotta a tabagismo, abuso di alcol, sedentarietà. L’obiettivo è il miglioramento della qualità della vita e il benessere degli individui. Sono sedici gli operatori volontari coinvolti.

Il progetto “La strada della salute” – coinvolge 12 operatori volontari SCU fra Ragusa, Modica e Vittoria si occupa di migliorare l’assistenza e il reinserimento sociale delle persone affette da dipendenza.

Sono previsti percorsi di reinserimento sociale, scolastico ed educativo. I volontari del Servizio civile svolgeranno attività integrative e di supporto a quelle già assicurate dalle varie strutture dell’Asp.

Nel filone “Salute e benessere”, invece, agiscono due progetti  

Il progetto “Accoglienza” – nei reparti di Pronto Soccorso degli ospedali di Ragusa, Modica, e Vittoria e nei presidi ospedalieri di Scicli e Comiso – con l’obiettivo di ridurre il disagio ospedaliero, migliorare il rapporto empatico con i pazienti, e migliorarne la permanenza presso le strutture aumentandone il comfort. Sono 16 i volontari del Servizio Civile Universale e svolgeranno funzioni di accoglienza e garantiranno l’orientamento e le giuste attenzioni nei confronti delle persone in attesa di trattamento.

Il Progetto “Accessibilità”, punta alla creazione di uno sportello Di.Cas. – diritti del cittadino-accesso ai servizi sanitari – negli ospedali di Ragusa, Modica e Vittoria, al fine di migliorare in termini di qualità relazionale il rapporto fra utenza e strutture sanitarie. E se da un lato, punta ad aumentare il livello di fiducia e conoscenza dei servizi dei cittadini, dall’altro sostiene i valori dell’equità, della solidarietà e della riduzione delle diseguaglianze nell’accessibilità e fruizione dei servizi. Sono in tutto 12 gli operatori SCU di questo progetto, coordinati dalle Direzioni Sanitarie.

I progetti avranno una durata di 12 mesi e i giovani saranno impegnati per 20/25 ore settimanali su 5 giorni.  

Il direttore amministrativo dell’Asp, Salvo Torrisi, intervertendo,  ha sottolineato che –  “grazie all’impegno di voi – 56 – giovani operatori volontari, coordinati nelle singole sedi dagli operatori locali di progetto, che voglio ringraziare per la loro disponibilità, – alcuni di loro erano anche presenti –  i servizi di cura e di assistenza ne trarranno beneficio.

Il responsabile SCU Pietro Mandarà ha già  avviato l’iter per la progettazione del prossimo anno che vedrà aumentare a 60 le unità previste.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI