Pozzallo, protesta dei ristoratori davanti al porto commerciale

Tempo di lettura: 2 minuti

Ristoratori in protesta a Pozzallo per il blocco dovuto al covid-19. Numerosi gli slogan utilizzati, da «Abbandonati dallo Stato» a «Fateci lavorare» ad «Affitto azienda allo Stato».  Gli operatori del Movimento imprese ospitalità hanno protestato davanti al porto commerciale  contro le illogiche misure di restrizione, che stanno provocando la morte del comparto dell’ospitalità a tavola, e della filiera dell’indotto, in un’isola che vive di turismo».

«Siamo a Pozzallo non a caso – ha spiegato   Paolo Bianchini,   presidente del movimento -. Dalla Sicilia può partire un segnale importante: fermi noi fermi tutti. Se si ferma l’ospitalità a tavola, l’economia italiana può avere un arresto importante. Speriamo quindi che da Pozzallo parta un moto di consapevolezza da parte degli italiani per fare capire ciò che noi stiamo patendo. Una perdita di fatturato imponente e la le categorie sotto attacco». E prosegue: «La malavita organizzata sta comprando i nostri ristoranti, sta penetrando nel tessuto sociale con gli usurai e i prestiti a strozzo ai nostri imprenditori. Siamo sotto attacco dei cinesi che stanno aprendo ristoranti in maniera sconsiderata e comprandoli due soldi, soprattutto dagli imprenditori in difficoltà e siamo sotto attacco delle multinazionali straniere che stanno aprendo le catene di junk food, cibo spazzatura, nelle nostre città e stanno affamando i ristoranti con commissioni scandalose dal 30 al 38 per cento sul delivery pagando le tasse in Olanda e lasciando in Italia solo il 4 per cento».

 Si confida in un nuovo decreto: «Abbiamo perso nel 2020 un fatturato del 60 per cento e parliamo di un fatturato diretto da 90 miliardi di euro; tutto quello che abbiamo ricevuto – al contrario di quanto pensa qualche garantito che ha lo stipendio fisso – sono serviti a pagare i costi fissi, gli affitti, le bollette, la Tari, le insegne luminose, il canone Rai e così via – dice concludendo Bianchini – avere ristori per pagare i costi fissi significa non avere i soldi per campare. Fortunatamente nel decreto imprese del governo Draghi anche grazie all’incontro che abbiamo avuto al Mef con il sottosegretario Durigon, sarà prevista anche una copertura dei costi fissi che per noi è importante: significa avere risorse per ripartire. Speriamo che le riaperture arrivino dal 27 aprile o dal 2 maggio per non chiudere più. Ma servono programmazione e visione, subito».
© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI