A Ragusa il 169° Anniversario della Fondazione Polizia di Stato

Cerimonia in memoria dei caduti all’insegna del rispetto delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza.
Tempo di lettura: 2 minuti

169° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato: Cerimonia in memoria dei caduti all’insegna del rispetto delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza. Il prosieguo dello stato di emergenza nazionale dovuto alla diffusione epidemiologica da SARS Cov2 e l’attuale quadro normativo delle misure restrittive di contenimento del contagio virale, che vedono ancora la Questura di Ragusa impegnata in prima linea nella gestione dell’emergenza e dei servizi di ordine pubblico con il concorso delle altre Forze di Polizia territoriali e delle Polizie Locali, sotto la costante azione di coordinamento della Prefettura iblea, impone ancora quest’anno di celebrare il 169° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato , previsto per oggi 10 Aprile alle ore 9,30 , all’insegna del rispetto dei criteri di massima garanzia della tutela del personale e dei cittadini. In tale contesto, la Festa della Polizia si svolgerà stamane con una sobria cerimonia in forma simbolica, con la sola deposizione di una Corona d’alloro in memoria dei caduti della Polizia di Stato da parte del Questore, Dirigente Superiore Pinuccia Albertina Agnello, alla presenza del Vice Prefetto Dr. Ferdinando Trombadore, in rappresentanza del Prefetto Filippina Cocuzza, assente per sopravvenuto improvviso impedimento. Anche quest’anno il tema della celebrazione è stato individuato nel motto: “ESSERCI SEMPRE”, che, in un momento come questo, è ancora più indicativo e caratterizzante dell’impegno della Polizia di Stato a sostegno della collettività, teso a prevenire e contenere una pandemia che, ormai da più di un anno, imperversa mettendo a dura prova tutta la società civile, dispiegando tutte le forze necessarie per il controllo del rispetto delle misure restrittive ma anche a fornire indicazioni e consigli ai cittadini, attraverso le Pattuglie sul territorio, la Sala Operativa dell’Ufficio Prevenzione e Soccorso Pubblico e il sito della Questura con l’Ufficio Relazioni con il Pubblico. Quest’anno, la ricorrenza del 169° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato, coincide con i 40 anni della legge con la quale è stata profondamente riformata l’Amministrazione della Pubblica Sicurezza. Quarant’anni fa, infatti, finiva il suo ciclo storico il Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza e veniva istituita al suo posto la Polizia di Stato, una Forza dell’Ordine a ordinamento civile, la cui mission al servizio dei cittadini è ormai consolidata nell’attuale organizzazione sul territorio nazionale e caratterizza l’operato delle donne e degli uomini della Polizia anche nell’attuale difficile e complesso diffuso scenario pandemico. Nella mattinata odierna, a Roma, nel corso della cerimonia organizzata nel piazzale della Scuola Superiore di Polizia, alla presenza del Capo della Polizia – Direttore Generale della P.S., Prefetto Lamberto Giannini, il Ministro dell’Interno, Prefetto Luciana Lamorgese, consegnerà la medaglia d’oro al merito civile, conferita dal Presidente della Repubblica, alla Bandiera della Polizia di Stato. Il prestigioso riconoscimento è stato attribuito per il compito svolto dai Questori, Autorità provinciali di pubblica sicurezza preposte al coordinamento tecnico operativo dei servizi di ordine e sicurezza pubblica, con la seguente motivazione: “ Erede di una prestigiosa tradizione risalente a prima dell’Unificazione d’Italia, la Polizia di Stato, con assoluta fedeltà allo Stato e in difesa della collettività, ha assicurato, da 169 anni, il mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica facendosi interprete sul territorio dell’alto magistero affidato alle Autorità provinciali di pubblica sicurezza preposte al coordinamento tecnico operativo dei servizi di ordine e sicurezza pubblica. Attraverso le proprie donne e i propri uomini, chiamati a ricoprire questo difficile ed essenziale compito, la Polizia di Stato, nelle fasi anche più drammatiche della storia del Paese, ha contribuito in maniera decisiva alla coesione della Nazione e ha garantito, sin dalla nascita della Repubblica, la tutela delle libertà fondamentali, la salvezza delle Istituzioni democratiche, assicurando altresì i presupposti per il progresso e il benessere collettivo e dei singoli. ” Con tali elevati presupposti, anche alla luce dell’impegno profuso con rigore e alto senso del dovere, nel rispetto del quadro emergenziale e delle migliaia di vittime su tutto il territorio nazionale a causa del Coronavirus, tra cui anche appartenenti alla Polizia di Stato, si vuole dare spazio alle diverse attività e ai concreti risultati raggiunti dalle articolazioni interne e periferiche della Questura di Ragusa tra il mese di Marzo 2020 e il mese di Marzo 2021, confidando nell’attenzione che gli organi di informazione hanno sempre garantito in ogni occasione. Sebbene siano state registrati rilevanti diminuzioni dei reati in generale, soprattutto in coincidenza del lungo periodo di lockdown nel primo semestre del 2020, significativi risultati sono stati raggiunti nell’ambito del contrasto alla criminalità operante sul territorio della provincia grazie al costante impegno delle strutture investigative della Squadra Mobile ragusana e delle Squadre di P.G. dei Commissariati di P.S. di Modica, Vittoria e Comiso. Le operazioni di polizia giudiziaria eseguite nel corso dell’anno 2020 e nei primi mesi del 2021 hanno meritato il giusto riconoscimento da parte dell’opinione pubblica, anche grazie all’attenzione dei mass-media e degli organi di stampa, in totale sintonia con la Procura della Repubblica di Ragusa, con la Procura Distrettuale Antimafia e la Procura dei Minori di Catania. Complessivamente sono state denunciate 1450 persone e tratti in arresto 183 soggetti a seguito di operazioni di polizia giudiziaria.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI