Covid: in provincia 3 città rischiano la zona rossa, preoccupa Ragusa

Tempo di lettura: 2 minuti

Preoccupa l’aumento dei contagi in provincia che tocca i 441 casi. In notevole impennata la curva epidemica a Ragusa che sfiora 100 contagi. La situazione non è da sottovalutare a Scicli (80), Acate (44) e Santa Croce Camerina (33). Secondo i parametri dettati dal
Cts che determinano le zone rosse (250 positivi per ogni 100.000 abitanti) le tre città iblee, in base al numero di abitanti, rischiano di rientrare nell’area più dura dovuta all’incremento precoce delle positività. Le autorità non hanno ancora disposto nessuna chiusura e sembra non ne sia prevista alcuna, in quanto il governo ha lasciato liberi i governatori regionali di poter decidere se intervenire o no. Il numero dei casi è in crescita anche negli altri paesi iblei tra cui Ispica che conta 19 positivi, leggero aumento di contagi pure a Modica, ma solo di uno. Trend opppsto per Vittoria che conta un notevole calo dei numeri che scendono a 64.

La situazione negli ospedali si aggrava: i ricoveri salgono a 29 di cui 27 al Giovanni Paolo II di Ragusa (19 in malattie infettive, 3 in area grigia, 5 in terapia intensiva) e due all’ospedale Guzzardi di Vittoria.

Questa la suddivisione per città: Acate (44), Chiaramonte Gulfi (1), Comiso (17), Giarratana (5), Ispica (19), Modica (17). Segue Monterosso Almo (2), Pozzallo (24), Ragusa (99), Santa Croce Camerina (33), Scicli (80) e infine Vittoria (64).

Dall’inizio della pandemia i guariti sono 7919 mentre i decessi 203.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI