Anche l’Associazione Reset Vittoria dice no al brand mafia

Tempo di lettura: 2 minuti

L’associazione Reset Vittoria appoggia la campagna lanciata e portata avanti dal consigliere comunale del Pd di Ragusa, Mario D’Asta, finalizzata a mettere al bando ogni tipo di brand che si richiama alla mafia per salvaguardare l’immagine del nostro territorio e della nostra isola più complessivamente. “Riteniamo la possibilità di condividere questo percorso tutti assieme – afferma il segretario di Reset, Alessandro Mugnas – un discorso di civiltà e di crescita sociale. Non se ne può più di essere associati a determinati stereotipi. La Sicilia non è certo coppola e lupara come veniamo dipinti da certe statuine o da alcuni gadget in vendita nei negozi di souvenir anche della nostra realtà locale. Ecco perché ci sentiamo di dare forza a questa campagna che si prefigge di mettere al bando determinati simboli inneggianti all’immagine mafiosa e siamo pronti a sostenere tutte le iniziative che si intendono attuare per arrivare a un traguardo auspicabile, quello, cioè, di eliminare completamente il brand mafia dalla nostra terra. E’ un discorso culturale che merita di essere coltivato con attenzione ma è anche c’è anche una opportunità da cogliere, quella di definire un percorso normativo che sarebbe necessario compiere utilizzando gli strumenti più adatti. Noi ci siamo e ci saremo per combattere queste battaglie che devono proiettare la città di Vittoria e la Sicilia nel futuro, al di là delle divisioni ideologiche o delle appartenenze partitiche. E’ una grande sfida per tutti noi”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI