Concorso di Intercultura e vivere un’estate all’estero

Tempo di lettura: 4 minuti

Ultimi giorni per iscriversi al concorso di Intercultura e vivere un’estate all’estero. Per gli studenti delle scuole superiori siciliane il giorno da cerchiare in rosso sul calendario è quello del 20 gennaio 2021, giornata in cui si chiuderanno le iscrizioni.

In questi mesi non si è mai fermata la volontà delle giovani generazioni di partire per programmi di mobilità studentesca. Tanti studenti guardano al futuro, sperando in uno scenario diverso e pianificano di poter fare un’esperienza indimenticabile di vita e di studio all’estero. Per questo CRAI Gruppo Radenza ha deciso di sostenere l’Associazione onlus Intercultura e istituire 3 borse di studio per programmi estivi di approfondimento linguistico di 4 settimane, in Danimarca, Irlanda (Cork, Dublino, Sligo e Wexford), Regno Unito (Galles), Russia e Spagna (www.intercultura.it/estivi). Le borse sono destinate a studenti meritevoli, residenti e iscritti in una scuola secondaria di II grado in Sicilia.  In particolare, due borse di studio saranno assegnate a studenti residenti in Sicilia e la terza agli adolescenti della zona di Ragusa che abitano nei Comuni con i seguenti CAP: 97100, 97010, 97014, 97015, 97016, 97018.

L’iniziativa è rivolta agli studenti nati tra il 1° giugno 2002 e il 31 luglio 2006, con media scolastica degli ultimi 2 anni (a.s. 2018-2019 e a.s. 2019-2020) uguale o superiore all’8 e con reddito familiare fino a 65.000 euro. Gli interessati potranno partecipare alle selezioni per le borse di studio iscrivendosi sul sito di Intercultura, entro il 20 gennaio 2021. Tutte le informazioni sono disponibili al link: www.intercultura.it/crai-gruppo-radenza/.

Un’esperienza all’estero aiuta le giovani generazioni ad allargare i propri orizzonti e a sviluppare competenze indispensabili per saper vivere e operare in un mondo sempre più connesso e globalizzato, quali lacapacità di adattamento, abilità di problem solving, necessità di comunicare in un contesto sconosciuto, senso di disciplina, capacità di organizzazione personale e capacità linguistiche: tutti elementi da inserire nel proprio curriculum professionale, che portano ai saperi del XXI secolo, imprescindibili nella formazione personale e professionale dei nuovi cittadini del mondo.

Studenti e genitori interessati a ricevere maggiori informazioni sui programmi possono contattare i volontari siciliani della propria zona di residenza, chiamando il responsabile dei programmi all’estero. I numeri di telefono sono consulatabili ai lnk:  www.intercultura.it/volontari/i-centri-locali/.

SONO  28 GLI STUDENTI SICILIANI ATTUALMENTE ALL’ESTERO

Nonostante le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria in corso, anche per l’anno scolastico in corso c’è chi ce l’ha fatta a partire.  Ad oggi sono quasi 400 gli studenti di tutta Italia che hanno voluto confermare la loro scelta di vivere e studiare all’estero con Intercultura per l’anno scolastico 2020-21. Altri ragazzi potrebbero aggiungersi nei primi mesi del 2021, per quei Paesi per cui la partenza è stata prudenzialmente rimandata. Tra chi è all’estero in questo momento, una trentina sono partiti dalla Sicilia  suddivisi tra Austria, Rep Ceca, Danimarca, Germania, Francia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Olanda, Polonia, Svizzera e Uruguay.

In alcuni casi, anche all’estero diversi ragazzi si sono dovuti misurare con le problematiche relative alla didattica a distanza, ma questo non ha frenato il loro entusiasmo. Tra mascherine, dispositivi igienizzanti e tanta voglia di ricominciare, la vera sorpresa che fa da collante all’esperienza di ognuno di loro è la curiosità verso un sistema scolastico diverso che riserva sorprese ogni giorno.

Tra questi Giorgia G., 17enne palermitana, sta trascorrendo il suo anno scolastico in Austria: “L’Austria è un Paese bellissimo e già mi trovo molto bene  con la famiglia e la scuola che mi ospitano. Perché ho scelto di partire con Intercultura? Perché è una onlus che opera grazie alla passione dei suoi volontari, in Italia come all’estero, e perché le famiglie credono nel progetto educativo dell’Associazione. I miei genitori austriaci sono favolosi, mi stanno aiutando tantissimo ad integrarmi, a partire dai primi giorni di scuola quando avevo le prime difficoltà a capire gli argomenti di determinate materie. E in generale hanno attenzione per tanti piccoli particolare mi stanno aiutando a conoscere la cultura austriaca, coinvolgendomi in alcune escursioni nei boschi vicino a casa, una sorta di sport nazionale, o a cucinare i dolci natalizi della tradizione”.

L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it)Intercultura è un’Associazione di volontariato senza scopo di lucro, fondata in Italia nel 1955, eretta in Ente Morale posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri e riconosciuta con decreto dal Presidente della Repubblica (DPR n. 578/1985). L’Associazione è gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. È presente in 161 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS ed all’EFIL. Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Esteri e dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per oltre 40 anni di attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L’Associazione promuove, organizza e finanzia scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno centinaia di ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI