Nuove misure anti Covid adottate della Questura di Ragusa

Installati i sistemi di controllo della temperatura a distanza
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo avere già attivato i totem per l’ingresso contingentato dell’utenza in Questura e nei Commissariati di P.S. della provincia, proseguono le ulteriori misure anticovid, al fine di garantire ogni utile criterio di sicurezza e prevenzione sia per i dipendenti che per l’utenza.
Da qualche giorno infatti la Questura di Ragusa ha attivato i sistemi di controllo della temperatura a distanza, quale ulteriore misura  recauzionale di contenimento della diffusione del Covid 19. La innovativa apparecchiatura che affianca il totem elimina code installato circa un mese fa, consente di poter controllare la temperatura corporea a distanza e l’uso della mascherina da parte dei soggetti che accedono agli uffici, con sistema di blocco dell’accesso in caso di temperatura elevata ovvero in assenza di mascherina. Analogo dispositivo è stato installato presso l’ingresso laterale dell’Ufficio Immigrazione, a cui si accede da Piazza Ninni Cassarà, destinato all’utenza di quell’Ufficio. Qualora la strumentazione rilevi in un soggetto una temperatura superiore alla norma, automaticamente la porta d’ingresso si blocca impedendone l’accesso ed il soggetto viene invitato a fare rientro a casa e a notiziare immediatamente il proprio medico o l’ASP. La Polizia di Stato invita l’utenza ad usare la massima prudenza ed evitare di uscire dalla propria abitazione qualora si abbiano sintomi febbrili.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI