Sindacati Ragusa. Il 25 novembre ai tempi del Coronavirus

Le confederazioni a sostegno di quante sono vittime di abusi e di ogni tipo di violenza
Tempo di lettura: 2 minuti

“Il 25 novembre è la data indicata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per ricordare la violenza contro le donne. Una data spesso dedicata ad iniziative di vario genere in molte nazioni affinché i processi di informazione, di divulgazione di iniziative, di conoscenza del fenomeno possano essere diffusi per comprendere meglio il problema, analizzarlo e affrontarlo nel migliore dei modi.
Questo è un anno particolare in cui dolore, incertezze, delusioni hanno preso il sopravvento: il Covid ha colpito l’umanità, ha causato il decesso di migliaia di persone, ha prodotto dolore e causato danni ingenti all’economia.”
Questo dichiarano in una nota la segretaria provinciale della CGIL di Ragusa, Graziella Perticone, la segretaria territoriale della CISL Ragusa-Siracusa, Cettina Raniolo e la segretaria generale Concetta Di Gregorio della UILA- UIL Ragusa-Siracusa-Gela in occasione del 25 novembre giorno in cui si ricorda la violenza contro le donne.
“Ma è l’anno in cui sono aumentati, anche a causa del Lockdown, continua la nota, le violenze domestiche: questo infatti ha amplificato le problematiche inerenti la coabitazione e ha imposto convivenze lunghe e ininterrotte che, in molti casi, sono sfociate in episodi di abusi. Le segnalazioni di aiuto tra marzo e giugno sono aumentate del 119% e, fra mille difficoltà, i centri antiviolenza dei vari territori hanno assistito e salvato parecchie donne.
Le violenze non solo fisiche ma anche verbali e psicologiche, gli atteggiamenti di sopraffazione da parte di mariti, compagni di vita e di datori di lavoro non escludono nessun ceto sociale e si manifestano in ogni luogo.
L’aumento di segnalazioni continua a preoccupare gli esperti del settore angosciati anche per le conseguenze sui minori che assistono o che subiscono anche loro.
Il lungo lavoro iniziato anni fa ha già fatto emergere buoni risultati: il fenomeno di sensibilizzazione, di educazione al rispetto e alla parità di genere ha ancora necessità di essere diffuso. Ciascuno di noi ha l’obbligo di distaccarsi dagli stereotipi di genere, di denunciare qualsiasi abuso e di offrire sostegno a chi non ha la possibilità, la forza o il coraggio di allontanarsi dall’aguzzino.
Le segreterie provinciali di CIGL, CISL e UIL manifestano la propria vicinanza, conclude la nota, a tutte le donne vittime di violenza e di abusi e ribadiscono la disponibilità a sostenere tutte coloro che stanno vivendo esperienze e periodi difficili.
Le strutture territoriali possono essere un tramite per comunicare con gli organismi competenti che potranno poi offrire ospitalità e aiuti di ogni genere.”

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI