Pronti per studiare all’estero nell’anno scolastico 2021-22

Tempo di lettura: 5 minuti

Il 10 novembre 2020 scade il termine per le iscrizioni al bando di concorso di Intercultura, (www.intercultura.it/bando-di-concorso), rivolto a studenti delle scuole superiori nati tra il 1 luglio 2003 e il 31 agosto 2006, che non intendono rinunciare alla possibilità di vivere una delle più importanti esperienze formative per il proprio futuro.

Le borse di studio disponibili sono centinaia e possono coprire l’intera quota di partecipazione al programma oppure una sua percentuale variabile in base al reddito familiare e al merito degli studenti.

L’iscrizione al bando non è vincolante per la futura partecipazione, ma deve essere necessariamente effettuata entro il 10 novembre per potere partecipare alle selezioni che inizieranno nei giorni immediatamente successivi. Tra le novità, spiccano la possibilità di frequentare l’anno scolastico in Grecia e il trimestre e l’anno scolastico nel Regno Unito.

Studenti e genitori della zona di Ragusa e provincia interessati a ricevere maggiori informazioni possono partecipare all’incontro di presentazione dei programmi di studio che si terrà il 5 novembre alle ore 18:30 online: per partecipare, si può inviare un’email ai volontari del Centro locale di Ragusa a questo indirizzo interculturaragusa@gmail.com

 

MERCOLEDI’ 4 NOVEMBRE: INCONTRO DI PRESENTAIZONE ONLINE CON I VOLOTNARI DELLA SICILIA CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI LUCA PARMITANO

 Studenti e genitori interessati ai programmi all’estero con Intercultura avranno la possibilità di avere maggiori informazioni su come iscriversi ed eventualmente chiedere una borsa di studio anche collegandosi a un secondo ncontro online organizzato per mercoledì 4 novembre dalle 15  alle 16  dai volontari di tutta la Sicilia. (Per registrarsi basta cliccare il link: http://www.intercultura.it/presentazioni-online). Con loro saranno presenti alcuni studenti siciliani rientrati da poco da un’esperienza di studio all’estero in Irlanda, Tunisia, Messico e Repubblica Ceca. Inoltre, special guest, sarà collegato da Colonia l’astronauta Luca Parmitano, anche lui partecipante a un programma annuale negli Stati Uniti con Intercultura. A 17 anni, Parmitano partì dalla sua Catania con Intercultura per vivere un anno a Mission Viejo, in California. E proprio lì capì quello che avrebbe voluto fare da grande. Già in passato ha avuto modo di dichiarare: “Come per tutti i bambini della mia generazione, accarezzavo sin da piccolo il sogno di diventare astronauta. Poi, si sa, dai sogni ci si allontana, per pensare a cose più concrete. E invece, a 17 anni, trovarmi a contatto con il mondo dell’aeronautica in occasione del mio anno di studio con Intercultura, è stato lo spunto decisivo per la mia carriera di astronauta”. Parmitano negli scorsi anni ha anche stanziato i fondi per due borse di studio attribuite a due studenti siciliani, Anthony ed Erika, che hanno così potuto trascorrere un anno scolastico in Cina.

 

SONO 2 GLI STUDENTI ATTUALMENTE ALL’ESTERO

           

Nonostante le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria in corso, anche per l’anno scolastico in corso c’è chi ce l’ha fatta a partire.  Ad oggi sono oltre gli  300 studenti gli studenti di tutta Italia che hanno voluto confermare la loro scelta di vivere e studiare all’estero con Intercultura per l’anno scolastico 2020-21. Altri ragazzi potrebbero aggiungersi nei primi mesi del 2021, per quei Paesi per cui la partenza è stata prudenzialmente rimandata. Tra chi è all’estero in questo momento, 35 sono partiti dalla Sicilia, di cui 2 dal Centro locale di Ragusa, una in Svizzera e una in Polonia.

In alcuni casi, anche all’estero diversi ragazzi si sono dovuti misurare con le problematiche relative alla didattica a distanza, ma questo non ha frenato il loro entusiasmo. Tra mascherine, dispositivi igienizzanti e tanta voglia di ricominciare, la vera sorpresa che fa da collante all’esperienza di ognuno di loro è la curiosità verso un sistema scolastico diverso che riserva sorprese ogni giorno.

  “Una grande maggioranza della popolazione mondiale sta vivendo lo spaesamento e le difficoltà di un evento inaspettato, per il quale non eravamo preparati” – spiega Andrea Franzoi, Segretario Generale di InterculturaNonostante i grandi limiti a cui siamo tutti sottoposti, molti giovani non rinunciano, ora più che mai, alla prospettiva di aprirsi al mondo e Intercultura intende sostenere gli studenti, le famiglie, le scuole che vogliono impegnarsi per costruire una società sempre più aperta e attenta a formare cittadini responsabili e attivi. In tale contesto l’educazione interculturale e l’apertura al mondo diventano quindi delle vere e proprie priorità”.

 

 L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it)

Intercultura è un Associazione di volontariato senza scopo di lucro, fondata in Italia nel 1955, eretta in Ente Morale posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri e riconosciuta con decreto dal Presidente della Repubblica (DPR n. 578/1985). L’Associazione è gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. È presente in 161 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS ed all’EFIL. Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Esteri e dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per l’ attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L’Associazione promuove, organizza e finanzia scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno centinaia di ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI