Marzo 2019. Guerra civile in Venezuela…di Michele Giardina

Marzo 2019. Guerra civile in Venezuela. L’Italia non riconosce Nicolas Maduro. Il Parlamento europeo adotta una risoluzione che chiede libere elezioni presidenziali e la conferma del riconoscimento di Juan Guaidò. La risoluzione viene votata dagli eurodeputati del carroccio, mentre i Cinquestelle  votano in modo contrario. Oggi, 15 giugno 2020, la redazione Ansa di Roma se ne viene fuori con una notizia a dir poco sconvolgente:

”Nicolas Maduro avrebbe finanziato nel 2010 il Movimento Cinquestelle: Lo afferma il quotidiano spagnolo Abc citando un documento dell’intelligence venezuelana, di cui pubblica una foto. Secondo il giornale, l’attuale presidente del Venezuela, allora ministro degli Esteri di Chavez, avrebbe spedito una valigetta con 3,5 milioni di euro al consolato venezuelano a Milano indirizzata a Gianroberto Casaleggio per finanziare segretamente il movimento fondato nel 2009 da Beppe Grillo. Secondo Abc, quotidiano spagnolo di indirizzo conservatore, il console venezuelano a Milano, Giancarlo Di Martino, fece da intermediario per la transazione finale a Casaleggio, che avvenne in contanti. Il documento indica il cofondatore e ideologo del Movimento Cinquestelle, morto nel 2016, come “promotore di un movimento di sinistra rivoluzionario e anticapitalista  nella  Repubblica italiana.  I  3,5 milioni di euro – aggiunge il quotidiano citando il documento dell’intelligence, allora guidata da Hugo Carvajal, – furono inviati “in modo sicuro e segreto attraverso valigia diplomatica”.

Carvajal è latitante dal novembre scorso dopo l’approvazione della sua estradizione negli Stati Uniti, dove è accusato di “narcotraffico e vendita di armi ai guerriglieri delle Farc colombiane”. Abc afferma di avere contattato i diretti interessati alla vicenda, compresi l’attuale leader del Movimento Cinque Stelle, Vito Crimi, il suo ex capo politico, Luigi Di Maio, il console venezuelano a Milano, Giancarlo Di Martino e lo stesso Grillo, ma che “nessuno di loro ha risposto alle domande”.

Di fake news ridicola e fantasiosa parla in una nota il capo politico del M5S, Vito Crimi. Che, a questo punto, ha il sacrosanto diritto-dovere di spedire al mittente un’accusa-tsunami di questo tipo e di adire urgentemente le vie legali. Fake news? Cioè una delle solite minchiate da web? Non scherziamo. Questa bomba atomica … è!

Pertanto, fino a quando non sarà fatta chiarezza, pensiamo sia da folli credere ad una sporca vicenda del genere confezionata, per giunta, in combutta con uno dei governi più canaglia del Sudamerica.  Almeno fino a prova contraria. Compagno Crimi, la minaccia di adire le vie legali non basta. Se questa è una infamità, come tu ritieni, datti da fare. Ora, subito, alla velocità della luce. Bastassero le parole, nessuno vi batterebbe. Ma l’accusa lanciata contro di voi è politicamente esplosiva. Occorrono atti, fatti, concrete azioni a discolpa. In questa difficile operazione di contrasto e difesa non puoi sbrigartela da solo. Oltretutto, non ti offendere, non ne saresti capace. Chiedi ai vari Casaleggio, Grillo, Di Maio, Di Battista, Bonafede, Di Stefano e Lichieri di darti una mano. Gli elettori, i vostri elettori, hanno assolutamente bisogno di credere che il movimento Cinque Stelle è ancora oggi duro e puro come urlato per anni da Grillo.

E Intanto, a scanso di indigesti equivoci, sarebbe certamente cosa buona e giusta che anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, e i segretari dei partiti che fanno parte della maggioranza di governo, aprissero finestre di verità e giustizia. Soprattutto per tranquillizzare gli ospiti che partecipano agli Stati Generali di Villa Pamphili.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI