Arriva dalla Germania la nuova regista della PVT Modica.

E’ di questi giorni l’ufficializzazione della notizia che Modica aspettava da settimane.
Il DS Giuliana Di Emanuele, insieme al Coach Scavino, il Presidente Bartolo Ferro e il Direttore Generale dell’Egea Pro Volley Team Modica Enzo Garofalo sono felici di annunciare che sarà Sofia Turlà la nuova palleggiatrice dell’Egea PVT Modica.
Modicana, classe ’98, 178 cm, giovane e promettente, con una carriera alle spalle che in questo campionato di B1 metterà in soggezione molte delle sue avversarie.
Le prime dichiarazioni di Sofia sono il suo biglietto da visita:
“Gioco a pallavolo da quando avevo solo 5 anni, è sempre stata il mio primo amore, non ho mai smesso.” Passione, determinazione e talento, dunque.
Le chiediamo di raccontarsi al pubblico modicano e così continua:
“In Sicilia ho fatto parte della rappresentativa provinciale e regionale. All’età di 15 anni mi sono trasferita a Roma dove ho giocato per la Volleyro Casal de Pazzi (vivaio del volley femminile conosciuto per aver dato i natali sportivi ad atlete convocate nella Nazionale azzurra under 16 n.d.r.)
Sono stati tre anni pazzeschi: ho cambiato ruolo, da attaccante a palleggiatrice. In tre anni abbiamo vinto tre scudetti e ottenuto due promozioni: dalla serie C alla B2 e dalla B1 all’ A2. Roma sarà per sempre la mia seconda casa, non potrò mai ringraziarli abbastanza per questa grande occasione.”
Le chiediamo come è continuata la sua avventura professionale, dopo gli anni in cui iniziava a delinearsi la carriera di un’atleta che sapeva già di non volersi accontentare:
“Lasciata Roma ho firmato per il Maglie in B1, il mio primo anno da “grande”; un anno pazzesco che non dimenticherò mai. Proprio a Maglie ho giocato insieme a Fabiola Ferro, che sono contenta di ritrovare in squadra quest’anno”.
Poi continua: “L’anno successivo ho firmato a Bolzano in B1, poi l’esordio in A2 a Marsala (nel 2018), mentre la scorsa stagione in una prima fase ho giocato a Chieri in A1 e poi è arrivata l’esperienza tedesca a Straubing (1 Volleyball Bundesliga). “
Una escalation di successi per un’atleta che sprizza entusiasmo, voglia di mettersi in gioco e un’euforia contagiosa.
In pochi minuti Sofia, infatti, si lascia andare ad un flusso di coscienza che ci fa riconoscere immediatamente una ragazza determinata e al contempo modesta , che non nega di aver dovuto sacrificare molti aspetti della sua adolescenza per ottenere i risultati che oggi il suo curriculum sportivo vanta; e a tal proposito sottolinea:
“Sono stati anni incredibili e rifarei tutto, perché mi hanno resa la donna che sono oggi.”
Alla domanda sulle sue prime impressioni e aspettative in merito alla stagione che la vedrà protagonista insieme al capitano Ferro e alle altre compagne quest’anno, risponde:
“Torno a casa, sono super contenta ed entusiasta! Sono davvero fiera che la PVT sia riuscita in questi anni a far appassionare così tante persone, prima lontane dal mondo della pallavolo e che sia riuscita a creare questo legame incredibile, proprio come una grande famiglia.”
Era dal 1996 che Modica non consegnava la regia della sua prima squadra ad una modicana (l’ultima palleggiatrice di serie B fu Serena Belluardo, passando poi a Carmelisa Arrabito in serie C).
“Non vedo l’ora di giocare per la mia città, – conclude Sofia Turlà – di ritrovare amici e parenti, il calore dei tifosi modicani e la magia che si crea durante le partite. Sono sicura che insieme ci divertiremo!”
Non vediamo l’ora anche noi, Sofia.
Arrivederci in campo.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI