Ragusa. Il Diprosilac si rivolge alla politica siciliana

Facendosi carico delle più che giustificate preoccupazioni delle imprese della filiera, e degli allevatori in particolare, il Distretto Produttivo Siciliano Lattiero Caseario ha elaborato un documento inviato, oltre che al Governo Regionale, a tutti i parlamentari (europei, nazionali e regionali) eletti in Sicilia. L’obbiettivo è quello di dare una informazione quanto più completa e reale sulla situazione del settore zootecnico e del comparto lattiero casearia, di richiamare su di essa l’attenzione dei rappresentati politici di tutti i territori siciliani e di sollecitare iniziative e provvedimenti a favore della filiera: e non solo nell’interesse dei produttori ma anche a garanzia dei consumatori. Il Distretto resta impegnato nella valorizzazione delle produzioni siciliane nell’interesse dei produttori e per garantire la provenienza e la qualità del latte, dei latticini e dei formaggi attraverso la loro sicura tracciabilità. Alla politica viene chiesto di operare affinché le leggi siano applicate e perchè siano effettuati i controlli per contrastare le contraffazioni e l’utilizzo improprio delle denominazioni dei prodotti lattiero caseari tipicamente siciliane.
“ La filiera del latte ha bisogno di una politica di settore. Ai nostri parlamentari vogliamo fornire informazioni e formulare proposte per l’assunzione di iniziative tese a superare le difficoltà gravanti sul settore – ha sottolineato Enzo Cavallo responsabile del Diprosilac. La globalizzazione non può essere un pretesto per abbandonare al loro destino le nostre produzioni a danno dei nostri produttori e dei consumatori . E’ vero che non possono essere impedite le importazioni, ma è anche vero che attraverso una corretta etichettatura con la indicazione dell’origine dei prodotti o delle materie prime utilizzate per la loro preparazione, si consente al consumatore di effettuare una scelta consapevole e, se vuole portare a tavola solo prodotti locali, può farlo senza problemi”
“Col Distretto e nell’ambito della filiera siamo pronti a collaborare con tutti coloro che vogliono sposare la causa dei nostri produttori – ha sottolineato Sebastiano Tosto che è anche Presidente della rete ovinicoltori siciliani . Col documento inviato ai parlamentari siciliani abbiamo voluto avviare un costruttivo dialogo con la politica per la concretizzazione di sinergie che, sono certo, potranno e dovranno portare risultati utili a tutti. E’ già successo in Sardegna dove, con l’impegno sinergico e la collaborazione di tutti, senza divisioni e senza contrapposizioni, si è avuto un consistente intervento”
“L’approvazione del disciplinare di produzione QS del latte crudo vaccino è un risultato di grande importanza, senza trascurare il fatto che è ormai prossima definizione della analoga pratica per il latte crudo ovino – ha sottolineato Saro Petriglieri del Corfilac – Il marchio QS del latte crudo siciliano e dei relative derivati è il modo migliore per tutelare le nostre produzioni tipiche . Non sarà un percorso semplice ma l’approvazione del disciplinare è un passaggio fondamentale ed un importante punto di partenza che il Distretto intende valorizzare al massimo”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI