Al macero settore florovivaistico. L’allarme di Sviluppo Ibleo

“Ci hanno girato un video in cui gli addetti delle aziende nostrane che si occupano di florovivaismo gettano al macero i fiori che hanno coltivato durante la stagione in corso e che non hanno potuto immettere sul mercato. Danni per milioni di euro in capo alle imprese dell’Ipparino che, da un giorno all’altro, si sono viste costrette a sostenere una situazione impensabile. Ma questa è la realtà e, purtroppo, gli stessi imprenditori non hanno potuto fare altro che prendere atto dell’accaduto”. Sono i componenti del direttivo del Movimento politico Sviluppo Ibleo a denunciarlo lamentando una questione impellente da sanare. “Ecco perché – continuano i rappresentanti di Sviluppo Ibleo – ci siamo già rivolti al governatore Musumeci chiedendo di adottare delle misure straordinarie e di accertare quali sono le aziende colpite e danneggiate. Ed ecco perché chiediamo attenzione al Governo nazionale affinché intervenga nella maniera più opportuna per evitare che queste aziende non finiscano con le gambe all’aria. E’ necessario un piano straordinario di salvataggio per consentire a queste imprese di proseguire la propria attività visto che in molte non hanno più a disposizione neppure un centesimo per continuare. E’ indispensabile trovare quelle strade che, in momenti come questo, si rendono necessarie per arrivare a tagliare un traguardo che possa consentire a questi imprenditori di attenuare la loro disperazione riguardo a un futuro che, al momento, risulta essere solo pieno zeppo di incertezze”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI