Cna Vittoria. La Regione conferma le Zes nel territorio ipparino

Le aree del mercato ortofrutticolo e dell’area artigianale di Vittoria sono Zone economiche speciali, la conferma arriva dalla Regione. “Gli errori materiali, generati dallo scambio tra superfici e nome delle aree – sottolinea la Cna comunale di Vittoria – sono stati corretti e le procedure dal ministero competente che portano al riconoscimento delle due Zes sembrano oramai cosa fatta”. “Questa vicenda – chiariscono il presidente della Cna di Vittoria, Rocco Candiano, con il responsabile organizzativo Giorgio Stracquadanio – ha visto impegnata la Cna sin dall’8 di agosto sia nel seguire l’iter del bando sia nel sollecitare positivamente i commissari straordinari (in particolare il dott. Gaetano D’Erba) e la deputazione regionale (in particolare l’on. Nello Dipasquale). Tale sinergia positiva ha prodotto un risultato importante per la città, in particolare per le sue tante economie sane. Questo pezzo di Sicilia è tra i più produttivi del Paese, ha tante imprese eccellenti che operano nei vari comparti e svolgono le loro attività nella legalità e nel rispetto delle regole. Una sana dinamicità fatta da persone che guidano migliaia di piccole imprese che meritano attenzione, rappresentanza e tutela per l’importate compito economico e sociale che svolgono. La Cna continuerà a portare avanti il proprio ruolo di difesa e di rilancio della piccola impresa e dello sviluppo di un comparto che, da solo, continua, malgrado tutto, a creare occupazione e nuove imprese”.

  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI