Coronavirus, 274 migranti in quarantena a Pozzallo dopo sbarco

0
1261

274 migranti sono approdati al  porto di Pozzallo. La nave delle ong Sos Mediterranèe e Medici Senza Frontiere “Ocean Viking con a bordo” ha fatto sbarcare le persone messe in salvo con tre operazioni nel giro di 48 ore tra martedì e mercoledì scorsi.

Al fine di assicurare adeguate misure di prevenzione, i migranti sono stati trattenuti in quarantena nell’hotspot pozzalese. Alle medesime finalità precauzionali, il personale della nave rimarrà isolato a bordo per tutto il periodo necessario”. Lo ha reso noto il Viminale.

A bordo ci sono 208 adulti e 64 minori, messi in salvo tra il 18 e il 19 febbraio. L’hotspot di Pozzallo è attualmente vuoto e sono stati effettuati alcuni interventi di manutenzione sotto il coordinamento della Prefettura di Ragusa.
Due sono stati trasportati all’Ospedale Maggiore di Modica perchè presentavano sintomi influenzali.
Tra i migranti anche una donna che durante la traversata aveva subito un aborto spontaneo.

“Ringrazio il prefetto di Ragusa per aver sostenuto questa decisione, il sindaco di Pozzallo e tutte le autorità sanitarie che stanno lavorando per garantire questa misura preventiva indispensabile. –  dice il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. – La stessa disposizione varrà, ovviamente, per Lampedusa e per Messina”.

“Non c’è alcuna preoccupazione di fondo per questo sbarco di 274 migranti perché la situazione sanitaria è sotto controllo e rispetto a prima non è cambiato nulla. Lo dico innanzitutto da medico dell’emergenza e poi da sindaco di Pozzallo”. Roberto Ammatuna, sindaco di Pozzallo, non vuole accrescere la psicosi dal virus. Lo fa con cognizione di causa perché sino a qualche mese fa era il primario del pronto soccorso dell’Ospedale ‘Maggiore’ di Modica. “E’ uno sbarco come gli altri – aggiunge Ammatuna – a cui siamo abituati da tempo. Questa volta c’è una misura in più decisa dal ministero dell’Interno ovvero di tenere in quarantena per due settimane secondo i protocolli stabiliti dall’unità di crisi sul Coronavirus i migranti che verranno trasferiti nell’hot spot di Pozzallo. Normale precauzione, ma per favore non creiamo inutili allarmismi perché sappiamo tutti che il virus non arriva dall’Africa”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

1 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.