Biometano Pozzallo. Confommercio chiede soluzioni sostenibili

Il presidente di Confcommercio provinciale Ragusa, Gianluca Manenti, unitamente ai presidenti di sezione di Modica, Emanuele Iemmolo, e Pozzallo, Giuseppe Cassisi, hanno partecipato, ieri mattina, a Palermo, alle riunioni congiunte delle commissioni III e IV all’Ars per fare chiarezza sulla vicenda dell’impianto di biometano che dovrebbe sorgere in contrada Zimmardo Bellamagna. “Abbiamo avuto modo di esprimere le nostre perplessità – sottolinea il presidente Manenti – circa il mancato coinvolgimento del territorio rispetto alla realizzazione di una grande opera che avrà innegabilmente un notevole impatto mentre, invece, si sarebbe dovuta preferire la strada della condivisione oltre che quella della sostenibilità. Abbiamo, quindi, comunicato l’esito del vertice dei direttivi sezionali di comprensorio (oltre a Modica e Pozzallo anche Scicli e Ispica) tenutosi venerdì scorso, sollecitando che ad esprimersi siano i Consigli comunali delle città interessate. Abbiamo preso atto con favore della presenza di tutti gli attori interessati eccezion fatta per il sindaco di Modica che, ancora una volta, e non comprendiamo sinceramente il perché, rifugge il confronto a livello istituzionale rispetto a una problematica di così pesante portata per l’opinione pubblica. Ci auguriamo che questo atteggiamento possa modificarsi nel breve periodo e auspichiamo che dalla Regione possano arrivare risposte certe circa i percorsi che è meglio tenere per fornire assicurazioni adeguate a tutte le parti in causa”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI